Europei Under 21 2019: il Gruppo A

Passiamo in rassegna i tre Gironi degli Europei Under 21 2019: per ognuno di questi, una rapida panoramica alle Nazionali partecipanti, con qualche cenno a moduli, commissari tecnici e giocatori più rappresentativi. Senza tralasciare le nostre previsioni di qualificazione. Oggi è il turno del Gruppo A, con Italia, Spagna, Belgio e Polonia.

ITALIA – Pochi fronzoli, gli Azzurrini non possono nascondersi dietro a un dito, perché il torneo si gioca in casa e soprattutto perché mister Di Biagio ha scomodato l’artiglieria pesante, chiamando diversi uomini che ormai fanno parte stabilmente della Nazionale maggiore. Se si esclude Donnarumma, infatti, ci sono tutti i big: Barella, Zaniolo, Pellegrini, Chiesa e Kean. Oltre ai vari Orsolini, Cutrone, Pinamonti, Mandragora e Tonali, che contribuiscono a formare una rosa con tutte le carte in regola per vincere il torneo. Necessario l’innesto dei campioni già “grandi” per rinforzare un gruppo che non ha disputato le Qualificazioni e che ha tentennato parecchio nelle numerose amichevoli disputate, perdendo spesso i confronti con le big europee (nel solo 2018 gli azzurrini sono usciti sconfitti contro Portogallo, Belgio, Inghilterra e Germania). Il cittì Di Biagio giocherà quasi sicuramente con un 4-3-3, con il dualismo Audero/Meret fra i pali e con un reparto offensivo atomico, probabilmente composto da Chiesa, Kean e uno tra Zaniolo e Orsolini. Da tifosi, ci auguriamo che questi giocatori, che rappresentano il futuro del calcio italiano, possano già farci divertire a Euro Under 21.

SPAGNA – La Rojita si è qualificata agli Europei vincendo a mani basse il Gruppo 2 delle Qualificazioni, totalizzando 27 punti in nove gare disputate e perdendo soltanto contro l’Irlanda del Nord, seconda classificata nel girone. I numeri parlano chiaro: la squadra allenata da Luis de la Fuente subisce poco (10 gol in altrettante gare) e segna la media di 3 reti a partita. In pieno stile iberico, naturalmente. Qualità e fantasia, infatti, non mancano, perché nel probabile 4-2-3-1 di de la Fuente troveranno spazio giocatori del calibro di Fabián Ruiz, che conosciamo bene dopo l’ottima stagione disputata con la maglia del Napoli, di Daniel Ceballos del Real Madrid (merengues rappresentate anche in difesa da Jesús Vallejo), di Mikel Oyarzabal della Real Sociedad (un esterno sinistro dal gol facile: 25 gol nelle ultime due stagioni in Liga) e soprattutto di Carlos Soler del Valencia (ala destra) e Pablo Fornals, trequartista del Villarreal e oggetto del desiderio di diverse squadre europee, a cominciare dallo stesso Napoli. Le Furie Rosse, dunque, saranno l’avversario da battere per gli azzurrini, che comandano l’albo d’oro con 5 titoli continentali, uno in più rispetto ai pari età iberici.

BELGIO – Padroni incontrastati del Gruppo 6 di qualificazione, con 6 punti di vantaggio sulla Svezia, i Diavoli Rossi confermano quanto di buono messo in mostra dai compagni più grandi nello scorso Mondiale e si candidano a squadra guastafeste del Gruppo A di Euro Under 21. Allenati ancora da Johan Walem, alla guida della selezione belga Under 21 dal 2012 (con una parentesi di un anno al Kortrijk nel 2015), i giovani diavoli scenderanno in campo probabilmente con un 4-2-3-1, con capitan Schrijvers (Club Bruges) a far da raccordo fra centrocampo e attacco e a dar manforte in avanti con i suoi inserimenti. A completare il reparto offensivo, due ali terribili come Lukebakio del Fortuna Düsseldorf e Isaac Mbenza dell’Huddersfield, mentre il terminale centrale sarà Leya Iseka del Tolosa, tallonato dal diciannovenne Francis Amuzu dell’Anderlecht, colui che ha messo a segno la rete decisiva nella vittoria dei giallorossi contro gli azzurrini in amichevole lo scorso ottobre.

POLONIA – Sulla carta è la squadra meno quotata del raggruppamento, anche perché ha sofferto più delle altre per qualificarsi alla fase finale degli Europei. Le Aquile bianche, infatti, si sono classificate seconde nel Gruppo 3 a un solo punto dalla capolista Danimarca, guadagnandosi però lo spareggio come migliore seconda e ottenendo lo scalpo illustre del Portogallo: sconfitta in casa per 1-0, ma incredibile rimonta a Chaves con vittoria per 3-1, con i polacchi sopra di tre gol all’intervallo. Il commissario tecnico è il quarantanovenne Czesław Michniewicz, profeta in patria e alla guida dell’Under 21 dal luglio del 2017. Modulo offensivo per i biancorossi, che giocheranno con un 4-3-3 o, al più, con un 4-2-1-3, in cui spiccano giocatori come il trequartista Sebastian Szymański del Legia Varsavia, ma soprattutto il portiere Bartłomiej Drągowski, protagonista di un girone di ritorno ad altissimi livelli con la maglia dell’Empoli, e Dawid Kownacki, centravanti di proprietà della Sampdoria, ma che quest’anno ha giocato in prestito nel Fortuna Düsseldorf (4 gol in 10 presenze per lui in Bundesliga).

CALENDARIO

Domenica 16/06
Polonia-Belgio (Reggio Emilia, 18:30)
Italia-Spagna (Bologna, 21:00)

Mercoledì 19/06
Spagna-Belgio (Reggio Emilia, 18:30)
Italia-Polonia (Bologna, 21:00)

Sabato 22/06
Belgio-Italia (Reggio Emilia, 21:00)
Spagna-Polonia (Bologna, 21:00)

Condividi
Sardo di origini sicule, ama il calcio dalle “notti magiche” di Italia ’90. È laureato in Lingue con una tesi sulla lingua del calcio. Pubblicista, ha collaborato col periodico Vulcano e la tv sarda Videolina.