Verso Francia 2019 – Numeri e curiosità dei Mondiali: tutto quello che vi serve sapere di Francia 2019

♦ Quella di quest’anno sarà l’edizione numero 8 della storia dei Mondiali Femminili, cominciati nel 1991 con il torneo disputato in Cina e proseguiti a cadenza quadriennale. Sarà soltanto la seconda edizione, però, con 24 squadre partecipanti: l’attuale numero fu infatti definito in occasione dei Mondiali Femminili di Canada 2015, aumentando di 8 squadre rispetto alle precedenti edizioni con 16 squadre.

♦ La mascotte ufficiale di questa edizione sarà Ettie, una giovane gallina con la passione per il calcio il cui nome deriva dal termine francese utilizzato per indicare una stella, cioè étoille. Viene da una lunga storia di mascotte ed è la figlia di Footix, la mascotte ufficiale della FIFA World Cup del 1998 che si tenne in Francia. La scelta di questo animale risiede nella sua forte somiglianza con il gallo, simbolo nazionale francese, ed è stata accompagnata dallo slogan “DARE TO SHINE” ovvero “osa risplendere”. Indossa un vestito alla marinaretto che si richiama ai colori della bandiera francese, ovvero blu, bianco e rosso.

♦ La canzone ufficiale di Francia 2019, invece, sarà Gloria di Jain.

♦ Il pallone ufficiale di Francia 2019 sarà l’Adidas Conext19, un pallone basato sul modello dell’Adidas Telstar 18 dallo sfondo bianco con sopra disegnato un mondo verde e blu visto dal cielo con i continenti dipinti di rosso.

♦ Tra la città ospitante delle partite più a est (Rennes) e quella più a ovest (Nizza) vi sono circa 1203 km: la stessa distanza che intercorre tra Bergamo e Crotone.

♦ Viene introdotto per la prima volta nella storia dei Mondiali Femminili il Video Assistant Referee (VAR), fortemente voluto da Infantino e dalla FIFA. Presente anche l’Italia con la coppia VAR composta da Massimiliano Irrati e Paolo Valeri.

♦ Gli Stati Uniti sono la Nazionale che ha finora conquistato più mondiali (3), seguito da Germania (2), Norvegia e Giappone (1).

♦ Sono molte le Nazionali che possono vantare di aver giocato a tutte le otto edizioni dei Mondiali: oltre agli Stati Uniti, troviamo Brasile, Germania, Giappone, Nigeria, Norvegia e Svezia.

♦ Sono 4 le Nazionali esordienti in questa edizione: si tratta del Cile, della Giamaica, del Sudafrica e della Scozia, mai arrivate alla fase finale dei Mondiali.

Tutte le Nazionali ospitanti della storia dei Mondiali Femminili sono riuscite ad arrivare almeno ai quarti di finale. In un solo di questi casi la nazione ospitante è riuscita addirittura a vincere il torneo (Stati Uniti nel 1999).

♦ Brasile, Nigeria e Svezia sono le Nazionali che contano il maggior numero di presenze ai Mondiali senza averli mai vinti (8).

♦ Australia, Ghana e Stati Uniti detengono il record tutt’altro che positivo di Nazionali che hanno ricevuto più cartellini rossi nella storia dei Mondiali, 2.

♦ Gli Stati Uniti sono la Nazionale che ha realizzato il maggior numero di reti nel Mondiale: 112. Il record di triplette messe a segno, ben 5, appartiene però alla Germania.

♦ Il record di reti realizzate in una singola edizione del Mondiale Femminile è 146, stabilito nel 2015. Nel 2011, invece, si è assistito al Mondiale con meno gol di tutti: “appena” 86.

♦ Il record di reti realizzate in una sola partita, invece, risale al 2007, quando la Germania battè l’Argentina per 11-0. Questo record fu eguagliato nel 2015 quando la Svizzera battè l’Ecuador per 10-1.

♦ Il giocatore che detiene il record di reti segnate nella storia dei Mondiali è la brasiliana Marta, autrice di 15 reti, seguita da Birgit Prinz e Abby Wambach (14 reti). Guardando la parte alta della classifica, soltanto una giocatrice tra queste sarà forse presente all’edizione 2019 dei Mondiali Femminili e potrà, pertanto, migliorare ulteriormente il proprio numero di reti, ed è Marta.

♦ Solo una giocatrice è riuscita a realizzare in passato una tripletta in una finale di Coppa del Mondo Femminile: si tratta di Carli Lloyd, a segno per tre volte nella finale del 2015 tra Stati Uniti e Giappone.

Le calciatrici Formiga (Brasile) e Homare Sawa (Giappone) detengono il record di Mondiali disputati (6).

Condividi
Parte-nopeo e parte bolognese, ha collaborato a vari progetti editoriali e sul web (Elisir, Intellego, Melodicamente). Ha riscoperto il piacere del calcio guardando quello femminile.