Primera División, 25/a giornata: Patronato salvo; retrocedono Tigre, San Martín (SJ) e Belgrano

Partiamo dal Cilindro, col bellissimo “Pasillo de honor” reciproco fatto prima dai giocatori del Racing a quelli del Defensa y Justicia per averli tenuto testa fino alla fine e poi viceversa in omaggio al titolo vinto dall’Academia. La partita finirà giustamente 1-1 con le reti di Cristaldo e Rojas, ma la vera festa inizia poi dopo il triplice fischio. Ovazione del popolo del Racing per Licha López e Coudet, fuochi d’artificio e cori fino a tarda notte per la squadra in campo con la coppa del diciottesimo campionato conquistato. Atmosfera da brividi al Cilindro quando sono stati trasmessi tutti i gol del campionato e sono poi entrati in campo anche i campioni del passato (tra cui Diego Milito).

Ora però passiamo ai verdetti di quest’ultima giornata, partendo dalla salvezza. Il Patronato doveva vincere per garantirsi la permanenza nella massima serie e così ha fatto. 2-1 con doppietta di Carbajal a un Argentinos Juniors ancora provato dalle fatiche di giovedì in Copa Sudamericana. Grande gioia a fine partita per il popolo del Patronato per il grande risultato raggiunto. Inutili quindi le vittorie di San Martín (SJ), Tigre e Belgrano, che retrocedono in B Nacional. In attesa di scoprire quali saranno le due neopromosse, vi diciamo già che il prossimo campionato sarà a ventiquattro squadre. Il sistema con quattro retrocessioni e due promozioni andrà avanti ancora per due stagioni, fino alla riduzione delle partecipanti a venti squadre.

Già decise le partecipanti alla Copa Libertadores 2020 (Racing, Defensa, Boca e River), restavano da definire le qualificate alla Copa Sudamericana. Sono Atlético Tucumán, Vélez, Independiente, Unión e Huracán. Curioso il caso del Globo: si sarebbe qualificato il Tigre in quanto arrivato nono, ma una squadra retrocessa non può partecipare a coppe internazionali e quindi il suo posto verrà preso dall’Huracán.

Il calcio in Argentina non si ferma però. Oltre ovviamente a Libertadores e Sudamericana, dal prossimo fine settimana ci sarà la Coppa della Superliga. Competizione francamente inutile, ma fatta per riempire il mese e mezzo di vuoto calcistico che ci sarebbe adesso. Le ventisei squadre della Superliga si sfideranno in partite di andata e ritorno a eliminazione diretta con finale unica il 2 giugno a Córdoba. Subito piatto forte nel primo turno: ci sarà infatti il Clásico tra Huracán e San Lorenzo.

GIOCATORE DELLA SETTIMANA – Gabriel Carbajal (Patronato). Sua la doppietta decisiva con cui il Patronato batte l’Argentinos Juniors garantendosi la permanenza nella massima serie. Carbajal aveva già segnato un gol importantissimo nella vittoria sul Defensa y Justicia e si è ripetuto salendo a sei reti in questa stagione. Non male per questo centrocampista che da oggi entrerà ancora di più nel cuore dei tifosi rossoneri.

PRIMERA DIVISIÓN — 25/a giornata 

Venerdì

San Martín (T)-San Lorenzo  0-0
Gimnasia-Colón  3-2  5′ aut. Zuqui (G), 25′ Hurtado (G), 45′ rig. Bernardi (C), 76′ Tijanovich (G), 84′ Leguizamón (C)

Sabato

Unión-Estudiantes  0-0
Banfield-Newell’s Old Boys  1-1  56′ Urzi (B), 69′ Paredes (N)
Vélez-Lanús  4-0  34′, 55′, 61′ Bouzat, 74′ Salinas
Aldosivi-Boca Juniors 1-1  13′ Zárate (B), 40′ Chávez (A)

Domenica

Huracán-Atlético Tucumán  2-0  64′ Chávez, 86′ Barrios
Rosario Central-Independiente  1-2  32′ rig. Ortigoza (C), 40′ Pérez (I), 45′ Benítez (I)
River Plate-Tigre  2-3  17′ Rojas (R), 29′ Janson (T), 81′ Morales (T), 86′ López (R), 89′ Cavallaro (T)
San Martín (SJ)-Talleres  2-1  8′, 69′ Gelabert (S), 90′ Arias (T)
Patronato-Argentinos Juniors  2-1  19′, 30′ Carbajal (P), 44′ Hauche (A)
Belgrano-Godoy Cruz  1-0  77′ Cuero
Racing-Defensa y Justicia  1-1  53′ Cristaldo (R), 70′ Rojas (D)

CLASSIFICA PRIMERA DIVISIÓN ARGENTINA

Condividi
Nato a Genova, dove vive attualmente. Ama molti sport tra cui basket, calcio, football americano e tennis. Segue il calcio italiano, europeo e sudamericano, con una forte passione per il campionato argentino.