RSL svizzera 26/a: volano YB e Basilea, si fermano tutte le pretendi all’Europa League

Dopo la sosta per le nazionali, riprende la Raiffeisen Super League svizzera, ormai virtualmente decisa per la vittoria finale, ma ancora combattutissima per le altre posizioni di classifica (Europa e relegazione).

Gli anticipi del sabato, hanno visto il ritorno alla vittoria del Sion, che ha sconfitto in casa lo Zurigo, grazie a una rete di Grcić al 6′, che infilato in rete la sfera con un bel diagonale, dopo un batti e ribatti in area. I biancorossi hanno poi legittimato il successo con un bella partita, dove hanno però fallito diverse occasioni.

Consolida invece il secondo posto il Basilea di Koller, sceso in campo alla swissporarena di Lucerna con uno spirito molto differente da quello messo in campo a Lugano qualche settimana fa. A segnare è stato Suchy all’81’, il più pronto di tutti a riprendere la sfera respinta dal palo, e calciata da van Wolfswinkel. I renani, tuttavia, hanno dato sempre la sensazione di avere in mano l’incontro.

Domenica, allo Stade de Suisse, i padroni di casa dello Young Boys hanno vinto ancora una volta con una rete negli ultimi minuti, dopo aver rimontato due volte gli ospiti del San Gallo. I brodisti hanno impegnato a fondo i campioni in carica, andandosi però a schiantare contro un Guillaume Hoarau in gran spolvero. Il francese nella prima frazione ha pareggiato, al 43′, la rete segnata da Bakayoko al 32′. Nella ripresa, Ashimeru ha riportato avanti l’undici di Zeidler al 65′, ma poi è salito in cattedra ancora una volta il centravanti originario della Réunion. Un rigore trasformato all’81’ e un gol con una deviazione volante sottoporta hanno chiuso a favore dei gialloneri la partita.

Alla Maladière di Neuchâtel, i rossoneri padroni di casa dovevano vincere per provare a staccare il GCZ e avvicinarsi alle compagini che li precedono in graduatoria. Missione compiuta, anche qua nei minuti finali, contro il temibile Thun, tra l’altro abituato a giocare sul campo sintetico. Ed è stato proprio il Thun a passare per primo, con Sorgić, allo scadere della prima frazione. Ripresa al cardiopalmo, con Nuzzolo che ha fallito un rigore al 58′, prima del pareggio di Di Nardo 5′ più tardi. Xamax addirittura avanti al 71′ con Ošs, e ospiti che hanno raddrizzato l’incontro 4′ più tardi con Stillhart. Nel recupero, con una rete su calcio di punizione, Nuzzolo si è fatto perdonare l’errore di qualche minuto prima: 3-2, e tre punti di platino in ottica salvezza.

Infine, a Zurigo, un Lugano non abbastanza cinico non è riuscito a uscire dal Letzigrund sponda GCZ con l’intera posta. Troppe le occasioni fallite dai ticinesi, apparsi superiori alle Cavallette, ma incapaci, in diversi momenti, di concretizzare le numerose situazioni da gol create durante l’incontro.

A passare in vantaggio sono stati i padroni di casa con Djuricin, che ha trovato la rete al 13′ con una bella conclusione da fuori area, con la squadra bianconera apparsa, nell’occasione, non sufficientemente sul pezzo. Dalla sfera persa in un contrasto troppo molle a centrocampo, alla retroguardia che non ha chiuso sull’attaccante biancoblù, a Baumann il quale, forse, poteva fare qualcosa di più.

La squadra di Celestini non ha però perso la testa, prendendo il pallino del gioco e trovando il pareggio allo scadere della prima frazione con Junior, al posto giusto sulla ribattuta difettosa di Lindner. Nella ripresa, il GCZ ha cercato il gol con più decisione, ma mostrando tutti i suoi attuali limiti tecnici. Celestini ha provato la carta Sadiku (in gol con la sua nazionale la scorsa settimana) al posto di Bottani, ma i suoi non hanno trovato il guizzo decisivo. Mercoledì sera, a Cornaredo, arriverà lo Xamax: in palio tre punti preziosi, anche in ottica di rincorsa all’Europa, visti i risultati delle compagini che precedono in classifica i ticinesi.

Sabato 30 marzo

Sion-Zurigo  1-0  (1-0)
Lucerna-Basilea  0-1  (0-0)

Domenica 31 marzo

Young Boys-San Gallo  3-2  (1-1)
Xamax-Thun  3-2  (0-1) 
Grasshopper-Lugano  1-1  (1-1)  

CLASSIFICA PROVVISORIA RSL SVIZZERA 2018/19 – 26/a giornata – Sion e Grasshopper una partita in meno

Pos. Squadra Diff. reti Punti | Pos. Squadra Diff. reti Punti
1 Young Boys +45 69 | 6 Lugano -3 31
2 Basilea +11 48 | 7 San Gallo -10 31
3 Thun +10 38 | 8 Sion -3 29
4 Zurigo -2 33 | 9 Xamax -19 25
5 Lucerna -6 33 | 10 Grasshopper -23 19

Legenda: qualificate ai preliminari della CL, qualificate ai preliminari di EL, allo spareggio per non retrocedere con la 2/a di Challenge League, retrocessa in Challenge League

Condividi
Da bambino si innamorò del calcio vedendo giocare a San Siro Rivera e Prati. Milanese per nascita e necessità, sogna di vivere in Svezia, e nel frattempo sopporta una figlia tifosa del Bayern Monaco.