Uno sguardo alle “Serie B” in Europa. Annaspano in tante

Fino a qualche stagione fa nelle massime Serie dei propri paesi, qualificazioni alle coppe e filo da torcere alle “Big”. Poi l’onta della retrocessione, alcune si stanno rialzando, altre non riescono a lottare per il vertice rimanendo incastrate tra la metà e la bassa classifica. Un destino comune a tante realtà che si sono contraddistinte nei massimi campionati dei propri paesi nelle ultime due decadi almeno, chi con titoli, chi con una reputazione di tutto rispetto. Ora impegnate in una risalita non facile e in piazze che esigono di più.

Nella nostra Serie B, il Brescia sta finalmente disputando il campionato che i tifosi si aspettano da otto stagioni a questa parte per tornare in A, negli ultimi 14 anni solo un’apparizione nella nostra massima Serie e fu subito retrocessione. Il Palermo, dopo aver perso la finale playoff lo scorso anno, sta cercando la risalita che gli spetta tra difficoltà societarie e un campionato molto equilibrato in testa. Pescara e Lecce bramano nuovamente palcoscenici di tutto rispetto ma al momento inseguono mentre l’Hellas Verona ha subito una brutta flessione nelle ultime settimane e si è vista risucchiata nelle posizioni di rincalzo.

La Championship inglese è piena zeppa di piazze storiche ormai decadute. Il Leeds United è al secondo posto e lotta con il Norwich per la testa della classifica, dopo diversi anni di netta difficoltà conditi da una retrocessione nelle serie inferiori. Ora la risalita sperando che sia l’anno buono. Al quarto posto troviamo il West Bromwich Albion, al quinto il Middlesbrough. Dall’ottavo all’undicesimo posto potremmo scambiarla per una fantomatica classifica di massima Serie: in successione Birmingham, Nottingham Forest, Aston Villa e Swansea. Tredicesimo posto per il Blackburn. Ancora peggio QPR e Stoke rispettivamente al quindicesimo e al diciassettesimo posto.

In Liga 2 spagnola è avvincente la lotta a cinque squadre per tre promozioni. Racchiuse in appena cinque punti troviamo nell’ordine Albacete, Osasuna, Deportivo La Coruna, Malaga e Granada. Solo centro-bassa classifica per Sporting Gijon (12°), Saragozza (14°) e Tenerife (16°).

Dopo l’onta della retrocessione, Amburgo e Colonia occupano i primi due posti della Bundesliga 2, ma hanno il fiato delle inseguitrici sul collo, tra queste il St. Pauli. Bochum e Arminia Bielefeld sono al centro della classifica, chiusa mestamente dal Duisburg.

In Ligue 2, Metz e Brest sono in fuga per accaparrarsi i due posti diretti per la massima Serie, solo quinta posizione per il Lens. Sesto posto per il Le Havre. Mentre è notte fonda per squadre come Auxerre e Sochaux, rispettivamente al dodicesimo e al diciassettesimo posto. Ultima in classifica il Nancy.

 

Condividi
Telecronista e opinionista radio/TV, già a SportItalia e addetto stampa di diverse società. Non si vive di solo calcio: ciò che fa cultura è la fame di sapere, a saziarla il dinamismo del corpo e del verbo.