Il 2019 del golf italiano è alle porte

Dopo un 2018 assolutamente da incornicare per il golf italiano, con i risultati straordinari di Francesco Molinari che è entrato nella storia del golf italiano diventando il primo italiano ad aver vinto un torneo major con la conquista del 147° British Open, si apre un 2019 ricco di speranza e di possibilità.

È di pochi giorni fa il 18esimo posto di Renato Paratore al Saudi International, primo torneo dell’European Tour che si è svolto in Arabia Saudita, torneo vinto dallo statunitense Dustin Johnson con 261 colpi, -19 sotto il par: sul percorso del Royal Greens G&CC, oltre il 18esimo posto di Paratore, sono arrivati alla fine Nino Bertasio, 30° con 275 (70 70 64 71, -5), Edoardo Molinari (69 71 70 66) e Andrea Pavan (71 67 69 69), 34.i con 276 (-4), e Lorenzo Gagli, 44° con 278 (67 70 69 72, -2). Non ha superato il taglio Matteo Manassero, 78° con 142 (+2).

Il prossimo torneo di rilievo sarà il Mexico Championship sul percorso del Club de Golf Chapultepec a Città del Messico, che metterà in palio ben 9.000 punti per la classifica per la prossima Ryder Cup: nel primo dei quattro tornei del World Golf Championships, il mini circuito mondiale secondo solo ai Major, il californiano Phil Mickelson dovrà difendere la vittoria conquistata lo scorso anno grazie a un eagle da distanza impossibile alla 18 che gli ha permesso di accedere allo spareggio con il connazionale Justin Thomas. Sarà anche la prima occasione per vedere sul green Francesco Molinari, al momento assente dalla classifica.

Contemporaneamente l’Italian Pro Tour Banca Generali Private alza il sipario sul calendario 2019 mostrando i nove tornei in programma nella 13esima edizione del circuito di gare nazionali e internazionali organizzate dalla Federazione Italiana Golf, il tutto in una più ampia manovra di avvicinamento al 2022 per il Progetto Ryder Cup 2022: la nuova stagione dell’Italian Pro Tour partirà ad aprile dal Golf Nazionale di Sutri (VT) con il Campionato Nazionale Open Dailies Total 1, la competizione più longeva della FIG che per la prima volta verrà disputata anche nella versione femminile.

Dalla Valle d’Aosta alla Puglia, l’Italian Pro Tour Banca Generali Private coinvolgerà tutto il Paese e scenderanno in campo i campioni over 50 dello Staysure Tour, i talenti più promettenti del Challenge Tour e i giovani emergenti dell’Alps Tour, il terzo circuito europeo che farà tappa cinque volte in Italia. Tra le grandi novità del circuito, spicca la presenza del Campionato Nazionale Femminile Open Dailies Total 1: dal 12 al 13 aprile al Golf Nazionale le proette e le migliori dilettanti azzurre si contenderanno per la prima volta il titolo di campionessa italiana. Un segnale concreto dell’impegno per il movimento femminile da parte della FIG che nel 2019 lancerà il Progetto “Golf è donna”. Oltre alla sfida tutta al femminile, il Golf Nazionale, circolo di proprietà della FIG, sarà il teatro di gara anche per i professionisti e per i migliori amateur che dal 10 al 13 aprile scenderanno in campo per l’ottantesima edizione del Campionato Nazionale Open.

Condividi
Parte-nopeo e parte bolognese, ha collaborato a vari progetti editoriali e sul web (Elisir, Intellego, Melodicamente). Ha riscoperto il piacere del calcio guardando quello femminile.