Coppa d’Asia, 1/a giornata: Australia, clamoroso ko. India a valanga, pari in Siria-Palestina

Dopo l’esordio tra Emirati Arabi Uniti e Bahrein di ieri, la Coppa d’Asia torna in campo, sempre per la prima giornata, con i Gironi A e B.

AUSTRALIA-GIORDANIA  0-1

La giornata di domenica si apre subito con un colpo di scena: l’Australia campione in carica crolla all’esordio, venendo superata di misura da una Giordania ben messa in campo e capace di limitare al massimo le potenzialità offensive degli avversari. Dopo un inizio piuttosto equilibrato, con i due portieri chiamati a rispondere prima al tiro dalla lunga distanza del giordano Rawshdeh e poi all’occasione creata da Mabil, la gara si sblocca in maniera decisiva al 26′, quando Yaseen riesce a staccare di testa e a indirizzare il pallone dove Ryan non può arrivare, trovando il clamoroso vantaggio giordano. I Socceroos sbandano, con il portiere del Brighton che si supera ancora con una gran parata sulla punizione di Abdel-Rahman, e con il passare dei minuti sono anche costretti ad alzare il baricentro, prendendosi qualche rischio. Nella ripresa gli australiani si gettano all’assalto, sfiorando il pareggio con Rogic e Ikonomidis, ma soprattutto con Mabil, che colpisce il palo, ma non basta per evitare una sconfitta che getta subito grandi ombre sull’avventura della squadra di Graham Arnold.

THAILANDIA-INDIA 1-4

Dopo il pareggio di ieri tra Emirati Arabi Uniti e Bahrein, a volare in testa al Girone A dopo la prima giornata è l’India, che nella propria sfida d’esordio travolge per 4-1 la Thailandia, grazie soprattutto alla doppietta del proprio bomber Chhetri: due reti che permettono all’attaccante classe ’84 di scavalcare persino Messi e posizionarsi al secondo posto, alle spalle di Cristiano Ronaldo, tra i giocatori con il maggior numero di reti a livello internazionale. È proprio l’attaccante indiano a rompere l’equilibrio trasformando un calcio di rigore, ma la Thailandia riesce a pareggiare pochi minuti più tardi con Dangda, che di testa fulmina Singh. L’inizio della ripresa, però, si apre subito con il nuovo vantaggio dell’India, firmato ancora da un gran gol di Chhetri, e da questo momento la Nazionale di Constantine dilaga: Thapa sigla il terzo gol in contropiede, scavalcando il portiere con un pallonetto, mentre il neo entrato Kalpekhlua chiude i conti con un piattone che si spegne poco sotto la traversa. Inizio molto convincente, soprattutto in fase offensiva, per l’India, che vince per la prima volta una partita in Coppa d’Asia dal 1964; totalmente da rivedere, invece, la Thailandia, molto fragile dietro nonostante qualche segnale positivo in fase di costruzione.

SIRIA-PALESTINA ORE 0-0

Finisce in parità una delle sfide più sentite del torneo, quella tra Siria e Palestina: due Nazioni lacerate da anni dai conflitti e dalle guerre che cercano un riscatto, seppur minimo, nell’ultima sfida della domenica di Coppa d’Asia. Lo 0-0 finale sta più stretto ai siriani, che dominano per lunghe fasi la partita, concedendo quasi nulla alle, seppur poche, sortite offensive palestinesi, che nel finale restano anche in dieci uomini per l’espulsione (doppia ammonizione) di Saleh. Alla fine, risultano decisive le parate del portiere Hamadeh che, fatta eccezione per qualche imprecisione, in più di un’occasione nega il vantaggio alla Nazionale di Stange, regalando alla Palestina il primo, storico punto in Coppa d’Asia.

RISULTATI

Australia-Giordania  0-1 26′ Yaseen
Thailandia-India  1-4  27′ rig. Chhetri (I), 33′ Dangda (T), 46′ Chhetri (I), 68′ Thapa (I), 80′ Kalpekhlua (I)
Siria-Palestina  0-0

CLASSIFICHE GIRONI 1/A GIORNATA

Girone A: India 3, Emirati Arabi Uniti 1, Bahrein 1, Thailandia 0
Girone B: Giordania 3, Siria 1, Palestina 1, Australia 0
Girone C: Corea del Sud, Cina, Kirghizistan, Filippine
Girone D: Iran, Iraq, Vietnam, Yemen
Girone E: Arabia Saudita, Qatar, Libano, Corea del Nord
Girone F: Giappone, Uzbekistan, Oman, Turkmenistan

*= Una gara in più

Condividi
Nato a Monza nel '95, ha tre grandi passioni: Mark Knopfler, la letteratura e il calcio inglese. Sogna di diventare giornalista d'inchiesta, andando a studiare il complesso rapporto tra calcio e politica.