Fantacalcio Serie A 2018/19 – I Flop 4 dopo il girone d’andata

Archiviato il girone d’andata, è già tempo di qualche parziale bilancio anche per gli amanti del Fantacalcio. C’è ancora tanto da giocare e le sorti delle vostre fantaleghe sono sicuramente ancora tutte da decidere. Diciannove giornate giocate, però, costituiscono un’ottima base per ragionare sul rendimento dei calciatori della nostra Serie A. Chi ha fatto peggio? Chi è stato al di sotto delle aspettative?

Statistiche alla mano, è facile trovare la risposta a queste domande, lo è meno capire cosa accadrà nel girone di ritorno, a partire dalla 20/a giornata in programma nel weekend del 19 e 20 gennaio 2019. Anche perché il calciomercato invernale sta per aprire i battenti e, si sa, può cambiare radicalmente la storia di questo gioco!

Al giro di boa, ecco i peggiori quattro giocatori ruolo per ruolo. Ci siamo basati sulle partite giocate (almeno la metà più una), sui malus ottenuti, sulla variazione della quotazione rispetto alle liste iniziali e su un pizzico di soggettività.

I FlOP 4

PORTA – Marco Sportiello (Frosinone): con 37 gol sul groppone in 19 gare è il numero uno ciociaro il peggiore estremo difensore del listone. Anche Provedel dell’Empoli avrebbe “meritato” questo poco ambito riconoscimento, ma abbiamo optato per Sportiello perché ha giocato tutte le partite fin qui disputate e perché di fatto è il giocatore con più gol subiti. C’è da dire, però, che le colpe non sono state sempre e solo sue, perché a volte si è anche reso protagonista di grandi parate, infatti la media voto pura è ben al di sopra della sufficienza (6,16 per Fantagazzetta, 6,22 per la Gazzetta), ma i malus nel suo caso incidono parecchio, facendo crollare la media a 4,13.

DIFESA – Andrea Masiello (Atalanta): se Mancini, suo compagno di reparto, è stato il migliore dei difensori, l’ex Bari entra di diritto fra i peggiori del reparto. Strano per uno che invece è abituato a bazzicare nelle zone alte delle classifiche di rendimento. Eppure, finora Masiello è stato una delusione totale: nemmeno un punticino di bonus, 3 gialli e una media misera di 5,7 in sole 11 presenze. Proprio il dato sulle presenze fa riflettere: un difensore che alla vigilia del campionato era fra i top, si è rivelato una vera e propria delusione, che addirittura stenta a prendere voto.

CENTROCAMPO – Blerim Džemaili (Bologna): strano che uno come lui, che ha sempre avuto una discreta confidenza col gol, sia ancora a secco, sia di reti che di assist. Finora ha totalizzato 15 presenze, collezionando insufficienze e perdendo il posto da titolare. La sua media voto pura si aggira intorno al 5,4, aggravato leggermente dalle tre ammonizioni rimediate. Sembra un ex giocatore, ma saremmo ben lieti se ci smentisse nel girone di ritorno.

ATTACCO – Kevin Lasagna (Udinese) e Joel Campbell (Frosinone): non abbiamo saputo scegliere. Per motivi diversi, meritano entrambi la palma di peggior attaccante del girone d’andata. Il centravanti dell’Udinese ha segnato solo 3 gol e ha chiuso in maniera pessima, sbagliando un rigore contro il Cagliari. Il costaricano ha fatto peggio: è ancora a caccia del primo centro in Italia, anche se ha giocato meno di Lasagna. In più, ha collezionato 4 gialli, che praticamente annullano i bonus per i 3 assist effettuati. A ogni modo, entrambi hanno una media da mani nei capelli: circa 5,40 per il bianconero (dati Fantagazzetta), 5,46 per il ciociaro (dati Gazzetta).

Di seguito, il riepilogo dei peggiori della Serie A:

AMMONITI: Schiattarella (9), Felipe, Criscito, Linetty, Rincón e Barillà (8);
ESPULSI: Ceppitelli (2);
GOL SUBITI: Sportiello (37), Consigli (32);
RIGORI SBAGLIATI: Caputo (2);
MEDIA VOTO FANTAGAZZETTA: Pedro Pereira (5,35), Lasagna (5,41), Džemaili (5,43);
MEDIA VOTO GAZZETTA: Pulgar (5,22), Krejčí (5,31), Džemaili (5,43).

I MIGLIORI DEL GIRONE D’ANDATA

Condividi
Sardo di origini sicule, ama il calcio dalle “notti magiche” di Italia ’90. È laureato in Lingue con una tesi sulla lingua del calcio. Pubblicista, ha collaborato col periodico Vulcano e la tv sarda Videolina.