Fantacalcio Serie A 2018/19: i Flop 4 della 17/a giornata

Scopriamo assieme quali sono stati i quattro peggiori giocatori in ottica Fantacalcio dopo la 17/a giornata del campionato di Serie A 2018/19.

Porta – Ivan Provedel (Empoli): quattro gol sul groppone e, probabilmente, anche le responsabilità maggiori per la sconfitta maturata ieri al Castellani contro la Samp. Nell’episodio decisivo del momentaneo 2-3 di Caprari lui fa una paperona, lasciando che il pallone calciato dall’avversario sfili sotto il proprio corpo. Decisamente male anche nell’azione dell’ultimo gol: vero che il tiro-cross di Caprari è insidioso e quasi inatteso, ma lui non protegge il primo palo e si fa sorprendere da una posizione piuttosto defilata. Voto 4 per la Gazzetta, 4.5 per Fantagazzetta e Corriere. Insomma, nulla di buono per chi ha avuto la malsana idea di puntare su di lui.

Difesa – Rafael Tolói (Atalanta): strano trovarlo tra i flop, lui che solitamente bazzica fra le zone alte del rendimento. Eppure, la gara di Marassi è stata per lui da incubo: prima l’autogol sul colpo di testa di Piątek, anche se in realtà lui ci ha messo del suo per evitare il peggio, poi sul finire di gara il rosso diretto per fallo da ultimo uomo su Bessa. Morale della favola: voto ampiamente insufficiente (tra il 4 e il 4.5), meno tre punti di malus per un punteggio netto da brividi vicino allo zero.

Centrocampo – Josip Iličić (Atalanta): chiaramente il rigore sbagliato al 36′ del primo tempo (ma va detto che è stato bravo Radu a parare) condiziona la valutazione della prestazione dello sloveno, che dopo l’errore dal dischetto non è riuscito a riprendersi dal punto di vista psicologico, finendo per scomparire completamente dal terreno di gioco. Da uno con la sua esperienza non ce lo aspettiamo, anche perché dalla sua fantasia e dal suo talento sarebbe dovuta passare la reazione della Dea dopo lo svantaggio. In quanto ai voti, ci troviamo d’accordo con Fantagazzetta che gli assegna un 4.5, mentre Gazza e CorSport sono più generosi con un 5.

Attacco – Patrik Schick (Roma): ancora una volta spreca una grande occasione, perché Di Francesco lo preferisce a Džeko (e forse sarà l’ultima volta) e lui risponde con una prestazione fiacca, senza mordente, senza rendersi mai pericoloso là davanti. Persino quando si è presentato a tu per tu davanti a Szczęsny è riuscito a sprecare malamente. Nulla di strano se i voti che leggiamo il giorno dopo vanno dal generoso 5 di Fantagazzetta ai 4 della Rosea e del Corriere dello Sport. Cessioni in vista a gennaio per il ceco, che forse ha bisogno di cambiare aria per ritrovarsi.

Condividi
Sardo di origini sicule, ama il calcio dalle “notti magiche” di Italia ’90. È laureato in Lingue con una tesi sulla lingua del calcio. Pubblicista, ha collaborato col periodico Vulcano e la tv sarda Videolina.