Fantacalcio Serie A 2018/19: i Flop 4 della 14/a giornata

Scopriamo assieme quali sono stati i quattro peggiori giocatori in ottica Fantacalcio dopo la 14/a giornata del campionato di Serie A 2018/19.

Porta – Łukasz Skorupski (Bologna): poche responsabilità sui quattro gol subiti sabato sera a Marassi. Le colpe maggiori vanno attribuite a una difesa, quella bolognese, che non ha fatto nulla per arginare l’attacco blucerchiato. Il polacco si becca un’insufficienza di per sé lieve (5.5), ma resa pesantissima dal malus relativo ai 4 gol subiti. Da miglior portiere nella 13/a giornata a peggiore nella 14/a: partita da cancellare per Skoruspki e per tutto il Bologna.

Difesa – Thiago Cionek (SPAL): fallo assurdo da dietro su La Gumina e rosso diretto per il polacco. Eravamo al 49′ sul 2-1 per l’Empoli, poteva essere la mazzata definitiva per gli spallini, che nonostante l’inferiorità numerica hanno trovato la forza nella ripresa per riagguantare il pareggio. La SPAL ne esce a testa alta, il suo difensore no. Voto 4 per lui (con Fantagazzetta che gli assegna un generosissimo 5) con un punto di penalità causato dal rosso diretto. E squalifica in vista. Massima solidarietà nei confronti dei fantallenatori che, per scelta o per necessità, l’hanno schierato titolare.

Centrocampo – Rômulo Souza Orestes Caldeira (Genoa): in tre minuti di follia pura, dal 25′ al 28′, si è beccato due ammonizioni sacrosante, la prima per un fallo da dietro su Ansaldi, la seconda per un’entrata da kung fu su Meïté. Inspiegabile come un giocatore della sua esperienza possa cadere in simili errori, sancendo, di fatto, la sconfitta della propria squadra, costretta a giocare in dieci per un’ora. Voto 4 per il brasiliano naturalizzato italiano, che a fine partita ha avuto almeno l’intelligenza di riconoscere l’errore e di scusarsi per quanto accaduto.

Attacco – Giovanni Simeone (Fiorentina): ma che fine ha fatto il Cholito? Un digiuno che inizia a farsi preoccupante, anche perché sabato ha anche avuto qualche occasione, ma gli è mancata la cattiveria sotto porta, quella stessa cattiveria con cui si è fatto strada nella nostra Serie A. Voti chiaramente insufficienti: 4 per il Corriere dello Sport, 4.5 per Fantagazzetta e Gazzetta. In attesa che torni l’attaccante implacabile ammirato in passato, forse è meglio lasciarlo in panchina.

Condividi
Sardo di origini sicule, ama il calcio dalle “notti magiche” di Italia ’90. È laureato in Lingue con una tesi sulla lingua del calcio. Pubblicista, ha collaborato col periodico Vulcano e la tv sarda Videolina.