Bundesliga, 11/a giornata: il Borussia Dortmund vola sulle ali di Reus, Bayern Monaco sconfitto e a -7 dalla vetta

Gol e spettacolo nel Klassiker. Il Bayern Monaco passa due volte in vantaggio con il solito grande ex Lewandowski, ma alla fine a godere sarà il Borussia Dortmund. La squadra di Favre infatti, dopo un primo tempo difficile, entra con un altro piglio in campo nella ripresa trovando il primo pareggio con Reus su calcio di rigore (male Neuer in uscita). Dopo il nuovo vantaggio bavarese (colpo di testa di Lewandowski al termine di una bella azione), è ancora Reus l’assoluto protagonista con un destro a volo che si insacca in rete. E dire che poco prima il capitano giallonero si era “mangiato” il pareggio. La sua rinascita è ufficiale dopo tanti infortuni e l’inizio di stagione migliore della carriera con otto reti già realizzate (come Pléa e Alcácer) e senza saltare praticamente un minuto. In entrambe le azioni protagonista un fenomenale diciottenne Sancho, autentica spina nel fianco sulla fascia destra. Il Bayern ha sofferto tremendamente in fase di non possesso e pessima è stata la partita di Hummels in difesa. Decisiva è stata l’imbucata subita dalla difesa bavarese al 73′, quando il tocco di Witsel ha liberato in campo aperto Alcácer. La sfera è così arrivata allo spagnolo che a tu per tu con Neuer ha potuto segnare agevolmente il suo settimo gol da subentrato (su nove complessivi). Nel recupero annullato giustamente per fuorigioco un gol a Lewandowski. Finisce così con la festa del Westfalenstafion: da tre anni il Borussia Dortmund non batteva i rivali e dall’ultimo successo datato 2012 non vedeva così da vicino la possibilità di vincere il campionato. I numeri sono tutti dalla parte di Favre, con la sua squadra che è l’unica ancora imbattuta in Bundesliga e solo nei secondi tempi ha segnato più gol che il Bayern in tutto il campionato. Saranno invece giorni difficili per Kovač, precipitato al quinto posto a sette lunghezze di ritardo dalla capolista.

Quarta vittoria nelle ultime cinque e secondo posto in classifica confermato per il lanciatissimo Borussia Mönchengladbach. L’unico passo falso è stato il ko di Friburgo, per il resto la squadra di Hecking è stata eccezionale nell’ultimo mese. Sei i gol segnati a fronte di uno solo subito nelle ultime due giornate. Sabato è arrivata la vittoria in trasferta per 3-1 sul Werder Brema con assoluto protagonista Pléa, autore di una splendida tripletta che ha annichilito i biancoverdi tra la fine del primo tempo e l’inizio del secondo.

Terzo posto per il RB Lipsia, che si riprende dallo scivolone di giovedì in Europa League a Glasgow contro il Celtic e batte 3-0 un pessimo Bayer Leverkusen. La doppietta di Poulsen e la prima rete in stagione di Klostermann valgono oro per i sassoni, a rischio invece la panchina di Herrlich: il Leverkusen infatti è più vicino alla zona retrocessione che a quella europea.

È in forma olimpica l’Hoffenheim, che dopo la super rimonta in Champions League a Lione, ottiene la sua quarta vittoria di fila in Bundesliga rientrando in zona Europa. 2-1 il risultato contro un tenace Augsburg, battuto solo all’82’ grazie al gol di un sempre più decisivo Nelson. Il calesse 1999 inglese in prestito dall’Arsenal è entrato all’82’ e ci ha messo solo un minuto per segnare la rete decisiva dopo i gol di Kramarić e Finnbogason. Tra le squadre del momento c’è sicuramente anche l’Eintracht Francoforte. I rossoneri stanno sicuramente meglio del loro ex allenatore e Hütter, dopo la qualificazione ai sedicesimi di finale di Europa League, può godersi la sosta al quarto posto. La quarta vittoria nelle ultime cinque giornate di campionato è arrivata grazie alla doppietta di Jović e al gol di Haller nel 3-0 sullo Schalke 04. Il serbo sarà al settimo cielo visto che è ora il capocannoniere della Bundesliga con nove reti; sicuramente diverso invece sarà il morale di Tedesco: per lui quattordicesimo posto in campionato e panchina sempre più a rischio.

Si sbloccano e tornano finalmente alla vittoria tutte e tre le squadre in zona retrocessione. L’Hannover batte 2-1 nell’anticipo del venerdì un Wolfsburg in caduta libera. Sabato invece è il turno di festeggiare per Fortuna Düsseldorf e Stoccarda. La neo-promossa si scatena dopo quattro sconfitte superando con un netto 4-1 un irriconoscibile Hertha Berlino grazie alla doppietta di Raman e alle reti di Usami e Hennings. Mette fine alla striscia di risultati negativi anche lo Stoccarda, che espugna Norimberga con i gol di Baumgartl e Tommy nel secondo tempo. Si accorcia così la classifica nella lotta per non retrocedere.

IL GIOCATORE DELLA SETTIMANA – Alhassane Pléa (Borussia Mönchengladbach). L’attaccante francese segna una fantastica tripletta salendo a otto centri alla sua prima stagione in Bundesliga. Non male l’impatto con la Germania per l’ex giocatore del Nizza, tra i principali protagonisti del secondo posto del ‘Gladbach.

BUNDESLIGA — 11/a giornata

Venerdì

Hannover-Wolfsburg  2-1  31′ Maina (H), 62′ rig. Bebou (H), 82′ rig. Weghorst (W)

Sabato

Hoffenheim-Augsburg  2-1  65′ Kramarić (H), 69′ Finnbogason (A), 83′ Nelson (H)
Werder Brema-Borussia Mönchengladbach  1-3  39′, 48′, 52′ Pléa (M), 59′ Şahin (W)
Friburgo-Mainz  1-3  6′ Gbamin (M), 18′ Mateta (M), 72′ Sallai (F), 75′ Onisiwo (M)
Fortuna Düsseldorf-Hertha Berlino  4-1  50′ Usami (F), 63′ Hennings (F), 84′ Raman (F), 88′ Selke (M), 90′ Raman (F)
Norimberga-Stoccarda  0-2  68′ Baumgartl, 82′ Tommy
Borussia Dortmund-Bayern Monaco  3-2  26′ Lewandowski (M), 49′ rig. Reus (D), 52′ Lewandowski (M), 67′ Reus (D), 73′ Alcácer (D)

Domenica

RB Lipsia-Bayer Leverkusen  3-0  27′ Poulsen, 68′ Klostemann, 85′ Poulsen
Eintracht Francoforte-Schalke 04  3-0  61′, 73′ Jović, 80′ Haller

CLASSIFICA BUNDESLIGA

Condividi
Nato a Genova, dove vive attualmente. Ama molti sport tra cui basket, calcio, football americano e tennis. Segue il calcio italiano, europeo e sudamericano, con una forte passione per il campionato argentino.