Gold Cup 2015 – Girone B: il Canada

A pochi giorni dall’inizio della Gold Cup 2015, comincia il nostro viaggio alla scoperta delle dodici squadre che compongono i tre gironi della manifestazione. Un’analisi per cercare di conoscere meglio  ogni nazionale che prenderà parte alla rassegna che si terrà tra Stati Uniti e Canada dal 7 al 26 luglio. Continuiamo con l’analisi delle squadre del Girone B: è il turno del Canada.

LA STORIA – La compagine canadese è qualificata in automatico in questa edizione della Gold Cup in quanto nazione ospitante insieme agli Stati Uniti. I canadesi proveranno a riscattare le ultime due apparizioni, nel 2011 e nel 2013, in cui non sono riuscite a superare la fase a gironi. Si tratterà, per il Canada, della dodicesima partecipazione alla Gold Cup (sarebbe la quindicesima se considerassimo il Campionato CONCACAF), l’unica competizione in cui i nordamericani sono riusciti a lasciare il segno, considerata anche l’unica, e deludente, apparizione al Mondiale del 1986 in Messico: nel 2000, sono riusciti a laurearsi campioni (è successo anche nel 1985, quando vinsero il Campionato CONCACAF), mentre hanno ottenuto due terzi posti nel 2002 e nel 2007 (per quest’ultima edizione, il terzo posto è in coabitazione con Guadalupa) e due quarti posti nelle edizioni del 1977 e 1981 dell’allora Campionato CONCACAF. Il Canada, inoltre, vanta una partecipazione alla Confederations Cup: nel 2001 collezionò un settimo posto.

LA SQUADRA – La rosa dei 23 giocatori convocati da Benito Floro presenta un’età media che non è né bassa né troppo alta, in quanto potrà contare su uomini d’esperienza, con età oltre i trent’anni, e ragazzi più giovani, la cui età si aggira sui vent’anni. Tuttavia sono pochi i calciatori a militare in Europa (basti pensare al portiere Hirschfeld del Vålerenga o al centrocampista Edgar del Birmingham City), considerando che la maggior parte di essi sono riusciti a trovare spazio in varie squadre statunitensi e canadesi. Il Canada è solito schierarsi col 4-3-3: a tal proposito è bene essere molto attenti sull’attaccante Cyle Larin, che nelle ultime uscite ha sempre lasciato il segno.

IL PRONOSTICO – Con Costa Rica e Giamaica che dovrebbero contendersi i primi due posti, Canada ed El Salvador si contenderanno il terzo posto del girone, che potrebbe essere utile (nel caso fossero una delle due migliori terze) per il passaggio ai quarti di finale. Il vero obiettivo sarà comunque cercare di far meglio rispetto alle ultime due edizioni della Gold Cup in cui non è stata superata la fase a gironi.

CONVOCATI

Portieri: Lars Hirschfeld (Vålerenga, Norvegia), Quillan Roberts (Toronto), Kenny Stamatopoulos (AIK, Svezia)

Difensori: Nikolas Ledgerwood (Energie Cottbus, Germania), Ashtone Morgan (Toronto), André Haainault (Aalen, Germania), Dejan Jakovic (Shimizu S-Pulse, Giappone), Adam Straith (Fredrikstad, Norvegia), Karl Ouimette (New York RB, USA)

Centrocampisti: David Edgar (Birmingham City, Inghilterra), Julian de Guzman (Ottawa Fury), Russell Teibert (Vancouver Whitecaps), Kyle Bekker (Dallas, USA), Toisant Ricketts (Hapoel Haifa, Israele), Sim Jackson (Coventry City, Inghilterra), Jonathan Osorio (Toronto), Samuel Piette (Deportivo La Coruña, Spagna), Maxime Tissot (Montreal Impact), Marcel de Jong (Sporting KC, USA), Pedro Pacheco (Santa Clara, Portogallo), Tesho Akindele (Dallas, USA)

Attaccanti: Marcus Haber (Crewe Alexandra, Inghilterra), Cyle Larin (Orlando City, USA)

CALENDARIO

Giovedì 9 luglio
El Salvador-Canada ore 4:30 a Carson (Stubhub Center)

Domenica 12 luglio
Giamaica-Canada ore 0:30 a Houston (BBVA Compass Stadium)

Mercoledì 15 luglio
Canada-Costa Rica ore 2:30 a Toronto (BMO Field)

Condividi
Apprezza ogni tipo di sport, anche se il suo vero amore è il calcio, di cui è appassionato. Tifa Milan ed è un fantacalcista convinto, cercando sempre di trovare il bicchiere mezzo pieno.