Europa League – Dopo il dominio, arriva la beffa: per il Napoli è solo 1-1

-

L’andata della semifinale di Europa League al San Paolo comincia su ritmi bassi con il Dnipro tutto rintanato in difesa e il Napoli che non riesce a trovare l’ultimo passaggio per mandare in porta i suoi attaccanti. Il gol di David Lòpez a inizio ripresa viene riagguantato nel finale dalla rete in netto fuorigioco di Seleznyov.

Nel primo tempo il Dnipro, schierato con il modulo speculare al Napoli, gioca rintanato nella propria meta campo e il Napoli fatica ad alzare i ritmi per cercare il gol. Al minuto 9 Insigne da fuori area calcia al volo, ma il pallone termina fuori di poco. Al 22esimo Higuain imbecca ancora Insigne che taglia in area di rigore, tocca con la punta anticipando il portiere in uscita, ma non trova la porta. Gli ospiti adottano la tattica di ripartire in contropiede tenendo dieci uomini dietro la linea del pallone, ma non si rendono quasi mai pericolosi dalle parti di Andújar.

Al minuto 50 il Napoli passa in vantaggio su azione di calcio d’angolo: cross teso di Insigne e stacco di David López  che sblocca il risultato. I partenopei non si fermano e continuano ad attaccare cercando il secondo gol che darebbe più sicurezza per la gara di ritorno. Higuain si procura varie occasioni, ma Boyko è sempre bravissimo a negare il gol all’argentino. Il Dnipro non si fa mai vedere in avanti, ma all’80esimo la beffa è servita: Seleznyov, appena entrato, insacca a porta vuota in posizione di fuorigioco. Il Napoli, dopo una gara praticamente dominata, porta a casa soltanto un pareggio e in vista della gara di ritorno in Ucraina la qualificazione resta più che mai incerta.

 

NAPOLI-DNIPRO 1-1 (0-0)

Napoli (4-2-3-1): Andújar 6; Maggio 6,5, Albiol 6, Britos 6, Ghoulam 6; Jorginho 6, David López 6,5 (70′ Gargano sv); Callejón 5 (76′ Gabbiadini sv), Hamšík 6,5, Insigne 6 (81′ Mertens sv); Higuain 6,5. A disp.: Rafael Cabral, Henrique, Koulibaly, Inler. All.: Benítez 6.
Dnipro (4-2-3-1): Boyko 7; Fedetskiy 6, Douglas 6,5, Cheberyachko 6, Léo Matos 6; Kankava 6 (69′ Bezus sv), Fedorchuk 6,5; Luchkevych 5,5 (57′ Bruno Gama sv), Rotan 6, Konoplyanka 6; Kalinić 6 (79′ Seleznyov 6). A disp.: Laštůvka, Vlad, Svatok, Matheus. All.: Markevyč 6,5.
Arbitro: Svein Oddvar Moen (NOR).
Marcatori: 50′ David López (N), 80′ Seleznyov (D).
Note – Ammoniti: Kankava, Fedetskiy (D).

Rodella Alessandro
Rodella Alessandro
Nato a Brescia nel marzo del 1992, ama lo sport in generale, soprattutto calcio, tennis e motori. Pratica i primi due a livello amatoriale senza grandi risultati. Appena può, ama seguire gli sport "dal vivo".

La favola di Salim Cissé: da clandestino a protagonista in Europa...

Il calcio, sempre più tormentato da scandali di ogni genere, è capace ancora di regalare emozioni e storie incredibili. Ne esistono centinaia che meriterebbero...
error: Content is protected !!