Islanda, Lagerbäck: “Croazia favorita, ma in campo può succedere di tutto”

-

L’Islanda è a un passo dalla storia. Fra lei e la fase finale di un Mondiale c’è soltanto al Croazia, avversaria dello spareggio di qualificazione. In realtà, quanto fatto da Finnbogason e compagni ha già il sapore dell’impresa, visto che i “ragazzi di ghiaccio” non erano mai arrivati così vicini all’accesso a una grande competizione calcistica. Guidati da una vecchia volpe nel mondo del calcio, Lars Lagerbäck, che con la Svezia ha centrato la qualificazione a cinque tornei internazionali consecutivi, gli islandesi si apprestano ad affrontare l’esame di maturità contro la Croazia domani a Reykjavik nell’andata degli spareggi.

Proprio il commissario tecnico dell’Islanda ha parlato in conferenza stampa alla vigilia di questa importante partita: “Non mi preoccupa il carattere dei miei ragazzi, hanno sempre dimostrato un atteggiamento positivo, anche se bisogna essere realistici. Sarà importante non prendere cartellini superflui, nelle ultime gare siamo migliorati nettamente sotto questo punto di vista. Ho detto ai giocatori di restare calmi e di evitare interventi stupidi. La Croazia sarà molto disciplinata e ordinata, proprio come il loro allenatore (Niko Kovač, ndr). Sulla carta loro sono favoriti, ma in campo può succedere di tutto”.

Infine, il ct svedese non si dice preoccupato per le proibitive condizioni meteorologiche previste per domani: “Se il tempo è brutto, lo sarà per entrambe le squadre. Questi ragazzi sono abituati a giocare in inverno e con il maltempo. Se il vento è forte, piove o nevica, sarà difficile giocare, ma entrambe le squadre dovranno adattarsi”.

Francesco Cucinotta
Francesco Cucinotta
Sardo di origini sicule, ama il calcio dalle “notti magiche” di Italia ’90. Laureato in Comunicazione con una tesi sulla lingua del calcio e pubblicista dal 2010. Per anni inviato al seguito del Cagliari Calcio per Radio Sintony.

MondoPallone racconta… Il presidente l’ha fatta grossa

Nel panorama calcistico internazionale, storicamente parlando, non sono mancati presidenti di club diventati autentici personaggi per le proprie "imprese". Mangia-allenatori, scaramantici, rissosi, corrotti. Ma...
error: Content is protected !!