Europei Under 21: Pisarev in ansia, Lopetegui vuole divertirsi

Siamo entrati ormai nel vivo di questo Europeo Under 21 di Israele 2013. Dopo il rocambolesco pareggio di ieri per 2-2 in Israele-Norvegia e la vittoria per 0-1 della nostra nazionale contro l’Inghilterra, ora è il turno delle gare del Gruppo B. Si affronteranno alle 18.00 la Spagna campione in carica e la Russia e in serata l’altra splendida gara tra Germania e Olanda. Sicuramente questo è il girone più difficile della competizione e lo sanno bene i due allenatori di Spagna e Russia. Il Ct della “SbornajaNikolai Pisarev ammette in conferenza di avere della tensione naturale alla vigilia dell’esordio. Il mister della “RojitaJulen Lupetegui, invece, appare più sereno e vuole che la squadra giochi divertendosi. Queste alcune parole dei due commissari tecnici riportate dal sito Uefa.com.

LOPETEGUI VUOLE “GIOCARE DIVERTENDOSI” – “Il torneo è breve e non si possono commettere errori. La prima partita contro la Russia sarà la più importante perché vogliamo partire con una vittoria. Affronteremo una squadra ben preparata e dovremo dare il massimo. Noi stiamo bene, il gruppo è giovane e ha già la mentalità giusta; dovremo giocare divertendoci. Non mi interessa parlare di favoriti, voglio solo che la squadra faccia bene. Noi rispettiamo ogni avversaria. [Álvaro, Alberto Moreno e Daniel Carvajal] sono qui perché stanno bene, ma voglio spendere una parola anche per chi ha giocato le qualificazioni e ora non è con noi. La Russia si è qualificata ottenendo grandi risultati anche senza Alan Dzagoev, è una grande squadra“.

PISAREV IN ANSIA DA DEBUTTO – “Siamo arrivati in Israele il 29 maggio e abbiamo lavorato molto sul piano fisico, ora ci resta valutare quali siano i giocatori più in forma al momento. Siamo sereni, ma allo stesso tempo avvertiamo il peso della responsabilità. Non siamo favoriti, perché affronteremo squadre molto forti, ma siamo qui per dare il massimo. sarei preoccupato se fossimo troppo calmi, un po’ di tensione nervosa serve anche a me come tecnico. Le nostre sensazioni del momento sono queste, non siamo stressati, solo desiderosi di giocare. Abbiamo trascorso tre anni insieme e vorremmo chiudere questo ciclo nel migliore dei modi.

L’infortunio di Kokorin è stato una brutta tegola per la nazionale, non solo la nostra. Credo che la scorsa stagione sia stato il miglior giocatore del campionato russo.

Conosciamo la Spagna meglio di qualsiasi altra squadra perché l’abbiamo affrontata in amichevole a marzo (perdendo 3-1). Loro giocano allo stesso modo contro ogni avversaria, amano attaccare, essere aggressivi e cominciare a pressare alto. Inoltre la Spagna può contare su una rosa di altissimo livello, contro di noi fecero otto cambi nella ripresa, ma la qualità sul campo rimase la stessa”.