Fantacalcio Serie A 2017/18: i consigli su chi evitare nella 30/a giornata

Fare la formazione prima del primo anticipo di Serie A è uno dei riti sacri per il fantacalcista. Quello è il momento dei dubbi, delle certezze, delle scelte. Mettere tizio in campo e lasciare caio in panchina può rivelarsi l a scelta azzeccata o una mossa scellerata. E ci sono tante varianti da tener conto: intanto, bisogna sapere chi è destinato a saltare il turno di campionato (squalificati, infortunati e non convocati), per i restanti, occorre valutare come hanno vissuto la settimana di allenamenti e gli incroci che regala loro il calendario. Poi è un mix di fantasia, intuito, coraggio e una buona dose di fondoschiena. Ma la fortuna va aiutata e per questo, con umiltà, vi lasciamo qualche consiglio su chi evitare, consapevoli che, inevitabilmente, accadrà di essere smentiti dai fatti. Ma questo, d’altronde, è il bello del Fantacalcio!

POLLICE GIÙ – Sarà banale specificarlo, ma i primi da non schierare, naturalmente, sono gli assenti. Ben 10 giocatori salteranno per squalifica la 30/a giornata di campionato: Mirante, Barák, João Pedro, Niang, Biraghi, Benassi, Rosi, Kurtić, Wallace e Lucioni. Oltre a loro e agli infortunati di lungo corso, queste due settimane di amichevoli internazionali hanno restituito diversi infortunati in più: da Costa, Krafth, Pellegrini, Ünder, Spinazzola, Iličić, Angella, Behrami, Fofana, Hallfredsson, Badelj, Théréau, Izzo, Veloso, Gălăbinov, Mattiello, Dramé, Heurtaux, Radu, Lukaku, Sagna, Dainelli, Barreto, Kownacki e Conti. Infine, solita sfilza di giocatori in dubbio, meno male che stavolta potrete attendere fino all’ultimo prima di confermare l’undici definitivo. Questi i calciatori al momento in forse: Berisha, Caldara, Jankto, Farias, Lyanco, Lulić, Gamberini, Bereszyński, Quagliarella, Matri, Hysaj, Hamšík, Alex Sandro, Khedira e Romagnoli.
A difendere i pali della flop 11, stavolta, tocca a Gigio Donnarumma: Milan in salute, ma la Vecchia Signora ha da proteggere un preziosissimo primo posto. Pacchetto arretrato composto ancora una volta da tre pedine: Acerbi (marcare Mertens e compagni non sarà propriamente facile), Fazio (in ballottaggio con Juan Jesus, se avete alternative certe, meglio non rischiare) e Vuković (da quando è arrivato ha dato solidità alla difesa scaligera, ma domani si gioca a San Siro e ci sarà un Icardi scatenato da tenere a bada). Quattro centrocampisti che ci convincono poco: Suso (difficile lasciarlo fuori, ma se c’è una gara in cui il dubbio può sorgere, questa è proprio quella dell’Allianz Stadium), Sensi (il futuro è tutto suo, perlomeno quello a lungo termine, perché domani contro i colleghi partenopei ci sarà da faticare), Vecino (in calo nell’ultimo periodo, dopo Genova rischia una nuova panchina) e Ramírez (il Chievo concede pochi spazi, sarà difficile per l’uruguaiano – in ballottaggio, tra l’altro, con Álvarez – trovare i varchi giusti). Tridente (poco) offensivo con Babacar (non ha risolto i problemi realizzativi del Sassuolo e domani c’è il Napoli), Kalinić (sembra essere scivolato al terzo posto nelle gerarchie degli attaccanti rossoneri) e Zapata (ballottaggio serrato con Caprari, sempre che Quagliarella recuperi dai rispettivi problemi fisici; meglio monitorare la situazione fino all’ultimo).

I CONSIGLI SU CHI SCHIERARE NELLA 30/A GIORNATA

Condividi
Sardo di origini sicule, ama il calcio dalle “notti magiche” di Italia ’90. È laureato in Lingue con una tesi sulla lingua del calcio. Pubblicista, ha collaborato col periodico Vulcano e la tv sarda Videolina.