NFL – Playoff: miracolo a Kansas City, Rams a lezione dai Falcons al Coliseum

Sean Pavone / Shutterstock.com

Nella notte si sono svolte la prime due partite di Playoff NFL, che si concluderanno il 4 febbraio con il 52esimo Super Bowl. Vediamo cosa successo in entrambe.

Kansas City Chiefs – Tennesse Titans 21 – 22

La sfida di Arrowhead Stadium inizia esattamente come ci si aspetta. L’attacco di Tennessee, soprattutto sui passaggi, fermo e padroni di casa in controllo del punteggio sin da subito. Il primo touchdown è su corsa per Kareem Hunt, il secondo una ricezione del tight end Travis Kelce e il terzo, a pochissimo dall’intervallo lungo, una di DeMarcus Robinson. Sul 21-3 si va negli spogliatoi con Kelce, vittima di commozione cerebrale, purtroppo fuori dalla partita.
Il secondo tempo comincia invece con il sigillo di Marcus Mariota: il QB di Tennessee, alla prima partita nei Playoff, chiude due down su corsa e poi segna il TD del -11 in modo singolare. Il suo passaggio infatti è deviato da un avversario e gli ritorna in mano consentendogli di entrare in End Zone.
La partita gira perché Harrison Butker, kicker di KC, sbaglia un field goal e sul possesso successivo Derrick Henry sfrutta la pessima difesa sulle corse dei Chiefs per portare il punteggio sul 21-16. I Chiefs non esistono più, i Titans vanno avanti con la ricezione di Eric Decker, e chiudono sul 22-21 una rimonta che fa la storia del football: l’ultima rimonta di 18 punti fuori casa nella storia dei Playoff NFL era infatti datata anni ’50.
Per Kansas City una incredibile Caporetto, a concludere una stagione troppo altalenante. Determinante l’infortunio di Kelce.

Los Angeles Rams – Atlanta Falcons 13 – 26

La difesa di Atlanta domina il primo quarto del Coliseum, lasciando il nulla all’attacco dei Rams. Due palle perse causate dal ritornatore Pharoh Cooper regalano i primi punti agli ospiti che vanno sul 0-13 con una corsa di Devonta Freeman. Los Angeles si desta, e Todd Gurley esplode con una corsa lunga che fa da apripista alla ricezinone da TD di Cooper Kupp. Il primo tempo si chiude sul 10-13 con però la sensazione i Rams possano procedere presto al sorpasso.
I Falcons possiedono però la risposta: corse e difesa. Tengono la palla per tutto il terzo periodo, realizzando due field goal con Matt Bryant e aumentando quindi il vantaggio a 9 punti. I Rams tornano sotto con un paio di corse di Gurley, ma accorciano solo con un calcio. Nel possesso seguente Atlanta torna a essere una macchina: Mohamed Sanu si invola per un guadagno enorme e Matt Ryan converte un terzo down importantissimo, poi trova Julio Jones per il TD del 13-26 che doppia Los Angeles.
Jared Goff non riesce a convertire il quarto down finale in End Zone ospite, lasciando che la squadra di Dan Quinn, che ha preparato in modo eccellente la gara, guidi in porto una vittoria fantastica. Il futuro è dei Rams, il presente di Atlanta che, in una circostanza più unica che rara, potrebbe essere favorita anche settimana prossima a Philadelphia contro gli Eagles, numero 1 in NFC.

Condividi

È convinto la vita sia una brutta imitazione di una bella partita di football. Telecronista, editorialista, allenatore. Vive di passioni quindi probabilmente morirà in miseria. Gioca a golf con pessimi risultati; ma d’altra parte, chi può affermare il contrario?