Premier League, 33/a giornata: trionfo Sunderland dopo 13 anni, Newcastle battuto 3-0

Dopo l’esordio amaro contro il Chelsea, nel turno precedente, arriva la prima gioia per Paolo Di Canio, nella sua nuova avventura alla guida del Sunderland. Ed è una gioia enorme, grazie al trionfo nel Tyne-Wear derby contro il Newcastle, per 3-0 a St. James’ Park. I Mackems impostano una gara compatta, con ripartenze veloci e una manovra ben organizzata, volta soprattutto a costruire azioni offensive concrete e ficcanti. Quasi alla mezz’ora del primo tempo una palla persa da Jonas a centrocampo si rivela fatale: McClean la recupera e lancia Sessegnon, bravo ad accentrarsi e infilare Krul dal limite dell’area, con un destro rasoterra nell’angolino basso. Il Newcastle accusa il colpo e reagisce solo in un paio di circostanze, sulle quali è pronto Mignolet.

Nella ripresa i Magpies sembrano più convinti, grazie anche alla spinta del pubblico di casa. Il possibile gol del pari di Cissé viene annullato per un fuorigioco che si rivela inesistente. Il Sunderland arretra un po’ il baricentro, ma nell’ultimo quarto d’ora trova in contropiede i colpi che affondano il Newcastle. Prima Adam Johnson, poi Vaughan e il trionfo è completo. Il Sunderland non vinceva il derby, in trasferta, da 13 anni (un 2-1, con Shearer che fallì il rigore decisivo del possibile pareggio) e questi 3 punti possono essere cruciali nella corsa alla salvezza. Il distacco sul Wigan, terz’ultimo, è ora di +3, ma i Latics hanno ben due gare da recuperare.

Nell’altra sfida del pomeriggio, il Manchester United trova il bottino pieno al Britannia Stadium contro lo Stoke City. Per i Potters sta diventando un finale di stagione sempre più pericoloso, e il crollo di risultati delle ultime settimane li ha portati a pari punti con Sunderland e Aston Villa, sulla linea di galleggiamento della classifica. Il Manchester United, invece, mette l’ennesimo mattoncino per il titolo che diventa, ormai, questione di tempo: +15 sul Manchester City (che ha una gara da recuperare) e 6 turni alla fine, dicono che Sir Alex Ferguson potrebbe festeggiare la 13esima vittoria della Premier League (titolo n.20 per il Man Utd) già entro la fine di Aprile.

Sabato
Arsenal-Norwich: 3-1 (56′ Turner (N), 85′ rig. Arteta (A), 88′ aut. Bassong (A), 90′+2 Podolski (A))
Aston Villa-Fulham: 1-1 (55′ N’Zogbia (A), 66′ aut. Delph (F))
Everton-QPR: 2-0 (40′ Gibson, 56′ Anichebe)
Reading-Liverpool: 0-0
Southampton-West Ham: 1-1 (59′ Ramirez (S), 66′ Carroll (W))

Domenica
Newcastle-Sunderland: 0-3 (27′ Sessegnon, 74′ Johnson, 82′ Vaughan)
Stoke City-Manchester United: 0-2 (4′ Carrick, 66′ rig. van Persie)

PER VEDERE LA CLASSIFICA DI PREMIER LEAGUE CLICCA QUI

Condividi
Torinese, classe 1983. Da piccolo voleva vedere Wembley e il Maracanã, gli manca ancora il secondo. Toro e Arsenal nel cuore, sta fra un tackle di Gilberto Silva e Tony Adams che chiama il fuorigioco.