Non basta Amauri al Parma, l’Atalanta ritrova la vittoria

Forse il risultato più giusto sarebbe stato un pari. L’Atalanta ha giocato meglio nel primo tempo, mentre il Parma ha aggredito per tutta la ripresa, senza però trovare il pareggio. L’Atalanta rompe la crisi trascinata da un grande Denis, mentre al Parma non basta la prestazione sontuosa di Amauri, coronata da un gran gol.

C’è subito el Tanque- La partita parte subito a ritmi molto alti, con entrambe le squadre che dimostrano di voler vincere. L’Atalanta è magistrale nello sfruttare al meglio la prima occasione della gara: passano solo 3 minuti e mezzo ed el Tanque Denis gira di testa un cross dalla trequarti di Schelotto, senza lasciare scampo a Mirante.

Il Parma a piccoli passi-Dopo il gol l’Atalanta non rallenta, e continua a fare la partita mentre il Parma si affida ai lanci lunghi verso il terminale Amauri. All’11’ è proprio l’italo-argentino a protestare per un presunto fallo di mano in area di Bellini, giudicato involontario dall’arbitro. I ducali concludono per la prima volta al 17′, con un destro dal limite di Acquah che termina però molto alto sopra la traversa. Col passare dei minuti gli uomini di Donadoni si riprendono la loro parte di campo e il possesso palla torna in equilibrio. Le due squadre ci mettono tanta corsa, ma il campo bagnato e ritmi di gioco frenetici (a tratti isterici) rendono i palloni imprecisi, e le occasioni sono poche. Il Parma va vicini al pareggio al 32′, con Biabiany che mette in mezzo il pallone dalla destra per Amauri, ma Bellini anticipa miracolosamente l’attaccante ex Juventus.

Peluso “chiude”, Amauri riapre- Finale di primo tempo elettrizzante: al 38′ Moralez lancia in area un incontenibile Denis, il digonale dell’argentino viene deviato da Mirante, ma sulla deviazione irrompe il terzino Peluso, 2 a 0. Tutto finito? nemmeno per sogno, a pochi secondi dal 45′ Amauri riapre la partita con un imperiale colpo di testa su assist di Zaccardo.

Assalto Parma-Nella ripresa i ritmi della partita non sembrano cambiare, ma è soprattutto il Parma a cercare il pareggio. Al 57′ Amauri e Sansone triangolano in velocità al limite dell’area nerazzurra, ma il sinistro del numero 11 del Parma termina alto. I ducali attaccano intensamente e al 67′ Paletta butta via l’occasione per il pari: su calcio di punizione dalla trequarti di  Marchionni il difensore sbuca alle spalle della difesa atalantina, ma di testa manca clamorosamente la porta.

Due occasioni in un minuto-Al 32′ della ripresa, nel giro di un minuto entrambe le squadre vanno vicine al gol: prima l’Atalanta con Bonaventura anticipato in area da Pavarini (subentrato all’infortunato Mirante), e poi il Parma, con Bellini che su cross di Biabiany rischia di deviare il pallone nella propria porta. Il Parma continua a spingere, e al 78′ va ancora vicino al pari, questa volta con Sansone.

Finisce così: Nel finale il Parma sembra non avere più le forze per trovare il pareggio, e l’Atalanta torna padrona del campo, dopo una ripresa passata a giocare di rimessa. Sale in cattedra il metronomo Cigarini, mentre Denis oggi fa reparto da solo. Al 49′ i padroni di casa rischiano anche di segnare ancora: Bonaventura serve De Luca che da due passi (due davvero!) conclude debolmente sui piedi di Pavarini. La ripresa finisce come era iniziata, nonostante le molte occasioni: 2 a 1.
ATALANTA-PARMA 2-1 (2-1)

Atalanta (4-4-1-1): Consigli; Bellini (85′ Ferri), Lucchini, Manfredini, Peluso; Schelotto, Cigarini, Radovanovic (74′ Cazzola), Bonaventura; Moralez (60′ De Luca); Denis. A disp.: Polito, Frezzolini, Raimondi, Brivio, Carmona, Scozzarella, Matheu, Ferreira Pinto, Parra. All.: Collantuono
Parma (3-5-2): Mirante (54′ Pavarini); Zaccardo (67′ Belfodil), Paletta, Lucarelli; Biabiany, Parolo, Acquah, Marchionni, Gobbi; Amauri, Sansone. A disp.: Bajza, Benalouane, Fideleff, Santacroce, Morrone, Musacci, Ninis, Pabon, Palladino. All.: Donadoni
Arbitro: Calvarese di Teramo
Marcatori: 4′ Denis, 38′ Peluso (A), 45′ Amauri (P)
Note: Ammoniti: Peluso, Radovanovic, Moralez, De Luca, Cigarini (A), Zaccardo, Lucarelli (P).

Condividi
Nato negli anni della grande Samp, appena un anno dopo lo scudetto targato Vialli&Mancini. Laureato in Scienze politiche all'università di Genova, ama scrivere di calcio e di politica. Email: llottero@mondosportivo.it