Premier League, 15/a giornata: Norwich-Sunderland 2-1

Nel posticipo domenicale della 15a giornata di Premier League, il Norwich trova una bella vittoria per 2-1 contro il Sunderland. Al Carrow Road, dunque, gli uomini di Chris Hughton confermano l’ottima striscia di risultati che, in questa stagione, li ha visti perdere solo una volta a fine settembre contro il Liverpool (10 partite giocate in casa, finora, 7 vittorie, 2 pareggi e 1 sconfitta). Discorso praticamente opposto per il Sunderland, 1 sola vittoria negli ultimi due mesi di campionato e la pressione che inizia a farsi piuttosto importante sul manager Martin O’Neill.

La gara è stata piuttosto vivace, con il Norwich subito avanti con Bassong in avvio e Pilkington a raddoppiare al 37′. Buona reazione dei Mackems, comunque, con il momentaneo 1-2 di Gardner nel finale di primo tempo. Nella ripresa, però, il Sunderland non è riuscito a completare la rimonta, fallendo anche una clamorosa occasione con Kilgallon, che ha calciato incredibilmente alto a porta vuota, da nemmeno un metro di distanza.

Con questa vittoria il Norwich sale a 19 punti, 12esimo, in una situazione relativamente tranquilla di classifica. Per il Sunderland, invece, restano intatti i 13 punti e il quart’ultimo posto, ad appena 1 punto dalla zona retrocessione.

Sabato
West Ham-Chelsea3-1 (13′ Mata (C), 63′ C. Cole (W), 86′ Diame (W), 90′+2 Maiga (W))
Arsenal-Swansea: 0-2 (88′ e 90′+1 Michu)
Fulham-Tottenham: 0-3 (56′ Sandro, 73′ e 77′ Defoe)
Liverpool-Southampton: 1-0 (43′ Agger)
Manchester City-Everton: 1-1 (33′ Fellaini (E), 44′ rig. Tevez (M))
QPR-Aston Villa: 1-1 (8′ Holman (A), 19′ Mackie (Q))
WBA-Stoke City: 0-1 (75′ Whitehead (S))
Reading-Manchester United3-4 (8′ Robson-Kanu (R), 13′ Anderson (M), 16′ rig. e 30′ Rooney (M), 19′ Le Fondre (R), 23′ Morrison (R), 34′ van Persie (M))

Domenica
Norwich-Sunderland: 2-1 (8′ Bassong (N), 37′ Pilkington (N), 44′ Gardner (S))

Lunedì
Newcastle-Wigan3-0 (13′ rig. e 21′ Ba, 71′ Bigirimana)

PER CONSULTARE LA CLASSIFICA DELLA PREMIER CLICCA QUI

Condividi
Torinese, classe 1983. Da piccolo voleva vedere Wembley e il Maracanã, gli manca ancora il secondo. Toro e Arsenal nel cuore, sta fra un tackle di Gilberto Silva e Tony Adams che chiama il fuorigioco.