Londra 2012, il fioretto a squadre non tradisce: ancora ORO!

Non vince, stravince il fioretto a squadre femminile, dominando tutti gli assalti della finale e trasformando le avversarie russe in autentici sparring partner. La gara non ha avuto storia: l’Italia batte 45-31 la Federazione Russa e conquista il secondo oro nella scherma alle Olimpiadi di Londra 2012 dopo quello vinto, sempre nel fioretto, dalla Di Francisca nella prova individuale. Diventano quindi quattro gli ori raccolti finora dall’Italia, a fronte di 5 argenti e 2 bronzi.

Vezzali, Errigo, Di Francisca e Salvatori (come riserva) il quartetto azzurro campione olimpico.

La finale, come detto, non è stata mai in discussione con la Vezzali che apre gli assalti battendo la Deriglazova per 5-2. Gli fanno eco la Errigo e la Di Francisca che vincono rispettivamente contro Korobeynikova e Shanaeva per 5-3 e 5-1. Non cambia il copione nella seconda serie di incontri con le azzurre che si aggiudicano tutti e tre i rispettivi assalti chiudendo la seconda tranche di sfide sull’inequivocabile parziale di 30-12. Così, per completare la festa, viene mandata sulla pedana anche la Salvatori, la riserva azzurra, al posto della Errigo, per rendere partecipe anche lei del trionfo del fioretto rosa. La neoentrata, dopo una buona partenza, sente un po’ l’emozione del momento e chiude sul 5-9 il proprio assalto contro la Shanaeva. Poco importa, le azzurre sono ormai con la medaglia d’oro al collo: la Di Francisca si impone anche sulla Deriglazova lasciando alla Vezzali l’onere e, soprattutto, l’onore di mettere a segno l’ultima stoccata e far partire la festa, l’ennesima, dell’immenso fioretto femminile italiano.

ITALIA 45-31 RUSSIA

I parziali degli assalti:

Vezzali 5-2 Deriglazova
Errigo 5-3 Korobeynikova
Di Francisca 5-1 Shanaeva

Errigo 5-2 Deriglazova
Vezzali 5-3 Shanaeva
Di Francisca 5-1 Korobeynikova

Salvatori 5-9 Shanaeva
Di Francisca 5-3 Deriglazova
Vezzali 5-7 Korobeynikova

Condividi
Nato a Porto San Giorgio nel 1983. Perito informatico all’ITIS di Fermo ed ex arbitro FIGC. Polemico per natura e critico per vocazione: esperienza nel giornalismo, “in progress”; passione per lo sport, tanta. Email: fdscafa@mondosportivo.it