Italia, Prandelli: “Io non ci sto”

Il ct della nazionale italiana Cesare Prandelli perde il suo solito aplombe e risponde per le rime alle critiche esplose dopo la sconfitta in amichevole contro gli Stati Uniti.

“Italia piccola? Per due giorni si è parlato di tutto tranne che della gara (chiaro riferimento alle polemiche post Milan-Juve ndr). Adesso è facile prendersela con noi per il risultato negativo. Tutti si sono fatti gli affari propri nei giorni precedenti, poi dopo la gara tutti a darci contro. Io non ci sto. Quella contro gli Usa è stata una gare sperimentale, se avessi tenuto al risultato non avrei schierato tanti ragazzi di vent’anni. Di questo nessuno ne ha tenuto conto. – continua il ct parlando all’Ansa anche di Balotelli – Lasciamolo in pace. Io sono stato il primo a dire che può diventare uno dei più forti attaccanti del mondo, ma alla fine ci siamo qualificati anche senza il suo apporto”.

Condividi
Nato a La Spezia nel 1981, ha girovagato per l’Italia da sud a nord. Laureato in Scienze della Comunicazione a Bologna, è stato fra i primi collaboratori di MondoPallone.net. Attualmente vive a Padova, collaborando con diversi siti di informazione calcistica.