Banco de Chile Santiago Premier Padel P1: lo show è iniziato

-

Alla Movistar Arena di Santiago è iniziato lo show. Dopo la conclusione dei tabelloni di qualificazione, si sono giocati i primi sei match del tabellone maschile del Banco de Chile Santiago Premier Padel P1, torneo che chiude il trittico di appuntamenti in Sudamerica del circuito Premier Padel dopo Asunción e Mar del Plata. Sul campo centrale si sono dati il cambio il futuro del Tino Libaak padel argentino e chi ha contribuito a scriverne la storia. e Leo Augsburger hanno superato 6-4 4-6 6-4 Cristian Gutierrez e Jorge Ruiz, poi è stato il momento di Miguel Lamperti, che in coppia con l’altro argentino Juan Cruz Belluati ha battuto 6-1 6-3 le wild card cilene Cristobal Martinez e Cristobal Molina. Giornata speciale anche per gli italiani Aris Patiniotis e Facundo Dominguez, che con il doppio 7-5 a Perino/Garcia Rodrigo si sono guadagnati il secondo turno contro Fede Chingotto e Ale Galan, la coppia del momento.
Oggi il torneo entra nel vivo, con l’inizio del tabellone femminile (Aguilar-Manquillo, Piltcher-Castillon, Vano-Blanco e Polo-Arruabarrena le coppie qualificate) e con il pubblico di Santiago che proverà a sostenere giocatrici e giocatori locali a cui l’organizzazione del Banco de Chile Santiago Premier Padel P1 ha assegnato le wild card: per Gianina Minieri e Gabriela Roux Vidalla sfida contro le qualificate Blanco/Vano, poi toccherà a Ignacio Andres Lehyt e Sebastian Munoz contro Nachi Sager e Salva Oria e infine a Carlos Zarhi che in coppia con l’argentino Axel Wiliam Guevara se la vedrà con Miguel Angel Solbes e Carlos Marti. Il programma inizierà alle ore 9 cilene, le 15 CET: saranno 21 i match in programma.
Rodella Alessandro
Rodella Alessandro
Nato a Brescia nel marzo del 1992, ama lo sport in generale, soprattutto calcio, tennis e motori. Pratica i primi due a livello amatoriale senza grandi risultati. Appena può, ama seguire gli sport "dal vivo".

MondoPallone Racconta… C’era una volta l’Imperatore

    All'inizio dello scorso decennio bruciò le tappe di una carriera che si annunciava folgorante, grazie ad un fisico debordante e un sinistro micidiale. Adriano...
error: Content is protected !!