Sevilla Premier Padel P2: Zapata-Goenaga si siedono al tavolo dei big

-

Ogni torneo di Premier Padel regala il palcoscenico a una coppia nuova. All’Estadio de la Cartuja è il turno di Teodoro Zapata, numero 42 del ranking FIP, ed Enrique Goenaga, che segue il compagno di una posizione: Zapata e Goenaga, unica coppia non testa di serie del Sevilla Premier Padel P2, si sono qualificati ai quarti di finale – miglior risultato della stagione –  superando in tre set e al termine di una battaglia durata due ore e 36’ (7-6 5-7 6-3) Fernando Belasteguin e Juan Tello, teste di serie numero 5. Per Zapata e Goenaga, venerdì, c’è la sfida a Franco Stupaczuk e Martin Di Nenno (4): i ‘Superpibes’ sono riusciti a venire a capo di una partita complicatissima contro Edu Alonso e Alex Arroyo, piegati 6-4 4-6 6-4. Le altre coppie favorite ci sono tutte: Arturo Coello e Agustin Tapia, vincitori di tre dei cinque tornei Premier Padel giocati fino a questo momento, hanno sofferto un set (con 10 palle break concesse) prima di eliminare 7-5 6-3 Nachi Sager e Salva Oria, che si erano fermati (per ritiro) in semifinale a Riyadh sempre contro Coello/Tapia, che ora se la vedranno contro Mike Yanguas e Javi Garrido (6), che hanno chiuso l’avventura a La Cartuja di Lucho Capra e Alex Chozas. Più agevole il compito di Fede Chingotto e Ale Galan (4), grazie al 6-1 6-2 su Fernandez/Barahona (nei quarti, ora, ci sono Maxi Sanchez e Sanyo Gutierrez), mentre uno dei match più interessanti della giornata è stato vinto da Paquito Navarro e Juan Lebron, grazie al 6-3 7-6 su Tino Libaak e Leo Augsburger. Nei quarti, Paquito e Lebron trovano Momo Gonzalez e Alex Ruiz (7).

DONNE Se nel tabellone maschile uno degli ottavi di finale si è chiuso con la vittoria della coppia non compresa tra le teste di serie, in quello femminile le giocatrici più forti hanno rispettato le previsioni. Vittoria in due set per Paula Josemaria e Ari Sanchez (6-3 6-1 su Barrera/Caparros), per Delfi Brea e Bea Gonzalez (6-3 7-5 con qualche difficoltà sulle giovanissime Alonso/Ustero) e Tamara Icardoe Ale Salazar (6-0 6-2 su Rodriguez/Rodriguez Abajo); hanno avuto invece bisogno del terzo set Gemma Triay e Claudia Fernandez, teste di serie numero 3, per battere Zazu Osoro e Carmen Goenaga, sorella di Enrique e che quindi non è riuscita a completare una straordinaria giornata di famiglia. Marta Ortega e Veronica Virseda(5) hanno impiegato due ore e 39′ per piegare Rufo/Caldera (4-6 6-2 7-6); a Virginia Riera e Sofia Araujo (7) ne sono servite addirittura due e 50′, prima di rimontare 3-6 7-6 6-1 Collombon/Bidahorria.

Rodella Alessandro
Rodella Alessandro
Nato a Brescia nel marzo del 1992, ama lo sport in generale, soprattutto calcio, tennis e motori. Pratica i primi due a livello amatoriale senza grandi risultati. Appena può, ama seguire gli sport "dal vivo".

Mondo Pallone Racconta… 22 maggio 1963: la finale di Coppa Campioni...

Milano, mercoledì 22 maggio 1963, via Washington 70, sede della Borletti Spa. L'azienda, fondata nel secolo precedente, produce macchine per cucire, ed è anche...
error: Content is protected !!