Genzano cade con Pesaro. Cosenza tre punti fondamentali

-

Frenano le prime due della classe. L’Olimpus Roma torna dalla Lombardia solo con un punto contro Mantova. I capitolini, presenti con una formazione orfana di diversi elementi, evitano la sconfitta grazie alla rete di Biscossi nell’ultimo giro di cronometro e guarda il bicchiere mezzo pieno con le prime marcature ufficiali in serie A dei giovani Ivan Cutruneo e Besart Seferi.

Nonostante il segno “X” l’Olimpus allunga ancora di una unità sulla diretta inseguitrice, l’Ecocity Genzano. Trasferta marchigiana amara per i ragazzi di Angelini, che nel finale sotto di una rete ha giocato la carta del portiere di movimento per tentare di ribaltare la partita. Pesaro ha tenuto sull’offensiva avversaria e nel finale ha chiuso il match con Sciochet e Barichello: vittoria che permette di mantenere alto il sogno playoff.

La sconfitta di Genzano permette il riavvicinarsi di Napoli e L84, quest’ultimi mettono un freno al buon momento della Fortitudo Pomezia. In zona retrocessione successo in rimonta fondamentale per il Cosenza in casa dei rivali dell’Active Network. A Orte il protagonista è Titon, che tra il 16’ e il  17’ realizza il letale uno-due della vittoria: un successo utile a fornire ancora speranze di salvezza diretta per i calabresi. Nel prossimo turno terrà banco la sfida tra Napoli e L84: in palio il terzo posto in classifica o forse qualcosa di più, perché Genzano è attesa dalla difficile derby laziale con la Fortitudo Pomezia.

24/a giornata

Meta Catania-Ciampino Futsal 6-1

Italservice Pesaro-Ecocity Genzano 4-1

Feldi Eboli-Sporting Sala Consilina 7-4

Napoli Futsal-Olimpia Verona 6-2

Active Network-Pirossigeno Cosenza 2-3

Saviatesta Mantova-Olimpus Roma 6-6

Fortitudo Pomezia-L84 1-3

Came Treviso-Sandro Abate 2-6

Classifica: Olimpus 59, Genzano 45, Napoli, L84 43, Catania 41, Eboli 40, Sandro Abate 39, Pesaro 36, Sala Consilina, Pomezia 34, Treviso 32, Active Network 29, Cosenza 26, Ciampino 18, Mantova 14, Verona 1

Elia Modugno
Elia Modugno
Nasce a Roma il 30 maggio 1979 mentre il Nottingham Forest di Brian Clough vinceva la sua prima Coppa Campioni. Radiocronista sui campi dell’Eccellenza laziale, adora il calcio minore ed il futsal.

Dal pallone alla bottiglia: quando l’ex-calciatore è “divino”

Edmondo De Amicis diceva che il vino aggiunge un sorriso all’amicizia ed una scintilla all’amore. Ciò che l’autore di Cuore non poteva ancora sapere...
error: Content is protected !!