Le enormi potenzialità del Brasile: una squadra che diverte e si diverte

-

Il 4-1 rifilato alla Corea del Sud ha evidenziato ancora una volta le potenzialità del Brasile. Con la Croazia, la partita sarà decisamente diversa: più complicata, più agguerrita. Ma la squadra di Tite è di una bellezza incredibile, di una forza sontuosa, e soprattutto, stavolta, sembra veramente matura.

ENTUSIASMO – Si è detto e parlato molto dell’esultanza di Richarlison, condivisa con Tite. Cosa rappresenta, secondo voi, quel balletto? No, non è assolutamente mancanza di rispetto. Si tratta solo di un modo ulteriore per compattare il gruppo: il CT lo aveva promesso all’attaccante, e le promesse vanno sempre mantenute. Il condottiero che esulta con il gruppo, bellissimo. Nessuno si senta offeso: è futebol bailado, signori, è voglia di festeggiare insieme. Il Brasile ha la musica nel sangue, il ritmo nel DNA, il calcio come religione. Vincere rende felici, esultare (insieme) unisce.

INCISIVITÀ – Quanta qualità, in squadra. E pensare che Gabriel Jesus e Alex Telles hanno dovuto dire addio anzitempo a Qatar 2022. Sette gol fatti, due subiti. Il ko – senza conseguenze – col Camerun, servito per capire cosa sistemare. Thiago Silva e Marquinhos le garanzie, Bremer il rinforzo difensivo pronto all’occorrenza, Casemiro è classe, Paquetá è ovunque, Richarlison sta facendo esattamente ciò che Tite gli aveva chiesto: segnare. Alzi la mano chi pensava, a inizio torneo, che potesse essere lui il trascinatore della Seleção. Non che fosse un nome secondario, assolutamente; ma tra stelle come Neymar, Vinicius JR e Rodrigo, il top-scorer attualmente è l’attaccante del Tottenham. Dopotutto, direte voi, quello deve fare. Lo sta facendo bene.

E ORA? – A prescindere da come finirà il Mondiale, il Brasile ha dimostrato che il suo processo di crescita sta arrivando a completamento. Maturo e convincente, la curva dell’evoluzione è vicina all’apice. Per arrivare al massimo livello possibile sembra mancare veramente poco; dopodiché, bisognerà esser capaci di restarci, confermarsi al top. Beh: Tite, a quanto pare, sembra saper come fare.

Andersinho Marques
Andersinho Marques
Comentarista do Canal Italiano Mediaset, Jornalista Televisivo na Itália, Brasil e Portugal, com passagem na Sportitalia TV e atuação como árbitro da Federação Italiana de Futebol.

MondoPallone Racconta… Dove può arrivare CR7?

Nell'ultimo turno di Champions League, Cristiano Ronaldo ha raggiunto il prestigioso traguardo delle 500 reti ufficiali in carriera. Miglior marcatore in attività, è inseguito...
error: Content is protected !!