CSSL svizzera 8/a – Il Basilea vince il Clásico con lo Zurigo e tenta l’allungo

In Svizzera, la Super League sembra aver trovato il proprio equilibrio, in linea con i pronostici iniziali. Era il giorno infatti del Clásico Basilea-Zurigo, che doveva essere l’esame di maturità per la compagine tigurina, in chiave lotta per la vittoria finale. Purtroppo, per Marchesano (in grande spolvero anche in questa occasione) e compagni, la prova non è stata superata.

In un St.Jakob-Park con il pubblico delle grandi occasioni (quasi 28.000 presenze), gli imbattuti renani hanno aperto le danze al 34′ con la rete di Millar. Nel secondo tempo, l’undici di Breitenreiter ha tentato in tutti i modi di riacciuffare il risultato, ma si è dovuto piegare nuovamente al 73′ da Ndoye. 6′ più tardi lo Zurigo, grazie a un rigore di Marchesano, ha provato a riaprirla prima del gol decisivo di Cabral, all’undicesimo centro stagionale.

Lo Young Boys, in attesa della trasferta di Champions League a Bergamo, ha regolato in casa di misura il San Gallo, ma ha perso Fassnacht (sospetta commozione cerebrale per lui). Pareggio invece per il Servette nel derby del Lemano contro il Losanna. I i ginevrini sono stati superiori, ma hanno sprecato diverse occasioni per portare a casa l’intera posta. Vittoria anche per il GCZ, in casa con il Sion: tre punti che consentono alle Cavallette di scavalcare in classifica i vallesani.

Vittoria anche per ill Lugano, sul campo del Lucerna dell’ex Celestini. Un’affermazione importante, per i ticinesi: perché venuta dopo la prova non convincente di giovedì, perché ottenuta in trasferta sul campo di una possibile rivale in chiave salvezza, perché è stata la prima in campionato del duo Croci Torti/Ortelli, perché la squadra ha fatto vedere cose buone, soprattutto in avanti, con Celar e Amoura. Certo, c’è ovviamente ancora da lavorare e maturare, soprattutto per i nuovi arrivati: ma le sensazioni sono state positive.

Lugano subito avanti con Abubakar, bravo al 3′ a farsi trovare pronto alla deviazione sul palo lontano, dopo un assist perfetto di Celar. Pareggio lucernese al 21′ grazie a Ugrinic: secca la conclusione sul secondo palo dell’ex Emmen, ma evidente l’errore di Osigwe, che tenta un improbabile intervento di piede. Al 35′, Lugano in vantaggio con una magia di Celar il quale, sulla sinistra, fa sedere l’avversario diretto con una finta, per poi insaccare di sinistro. Prima della fine della prima frazione c’è spazio anche per il terzo gol, segnato da Bottani, che insacca un assist dello sloveno, dopo un centro col contagiri di Lavanchy da sinistra.

Nella ripresa, la reazione dei confederati regala agli stessi un rigore trasformato da Sorgić al 72′, e tante emozioni, con Amoura bravo a liberarsi in diverse occasioni ma troppo egoista in un’occasione e sfortunato poco dopo, quando il portiere avversario gli chiude lo specchio della porta. Il serrate finale vede Osigwe questa volta protagonista in positivo, prima su due tocchi ravvicinati di Burch, e poi su una fucilata dal limite di Tasar. Alla fine è festa, meritata, sulla panchina ticinese, per un Crus senza cappellino: ha detto, a fine pertita, che non lo metterà più, per scaramanzia…

CSSL svizzera 8/a giornata – risultati

Sabato 25 settembre

Servette-Losanna  1-1  (1-1)     
Young Boys-San Gallo  2-1  (1-0)

Domenica 26 settembre

Grasshopper-Sion  3-1  (2-0)  
Lucerna-Lugano  2-3  (1-3)
Basilea-Zurigo  3-1  (1-0)

CLASSIFICA PROVVISORIA CSSL SVIZZERA 2021/22 – 8/a giornata – Young Boys e Lugano una partita in meno

Pos. Squadra Diff. reti Punti | Pos. Squadra Diff. reti Punti
1 Basilea +15 18 6 Grasshopper +1 10
2 Young Boys +10 14 | 7 Sion -6 9
3 Zurigo +1 14 | 8 San Gallo -7 6
4 Servette +2 12 | 9 Lucerna -7 4
5 Lugano +1 11 | 10 Losanna -10 4

Legenda: qualificate ai preliminari della ChL, qualificate ai preliminari di CL, allo spareggio per non retrocedere con la 2/a di Challenge League, retrocessa in Challenge League