CR7 vs Ibra: incredibilmente simili, numeri alla mano

Di Álvaro Logullo Neto per MondoSportivo Brasil

Stasera,  la Juventus affronterà il Milan nel 3 ° turno di Serie A. Il duello segna anche il 12° incontro nella storia – e il primo, in questa stagione – tra due leggende del calcio: Cristiano Ronaldo e Ibrahimović. Nella partita d’andata, a gennaio, lo svedese era fuori per infortunio.

A 36 e 39 anni, rispettivamente, CR7 e Ibra sono due dei principali protagonisti dell’edizione 2020-21 del campionato italiano. Che entrambi abbiano enorme talento, lo sapevamo già. Ma, in fondo, quale dei due attaccanti sta facendo una stagione migliore nel panorama nazionale?

Medie (quasi) identiche
Guardando le statistiche di CR7 e Ibra in Serie A, ci troviamo di fronte a curve diverse. Mentre il portoghese ha giocato 30 delle 34 partite della Juventus; il numero 11 del Milan ha saltato 16 partite, aggiungendo infortuni, Covid-19 e squalifiche. Tuttavia, nonostante la discrepanza nel numero di partite, entrambi hanno un rendimento molto simile. La somiglianza è spaventosa.

Per questo faremo affidamento sulle medie dei due attaccanti. Ad esempio: sia CR7 che Ibra hanno bisogno di 85 minuti per partecipare a un gol, segnando o assistendo. Entrambi necessitano anche di 4,1 tiri per trovare la rete, così come ognuno di loro finalizza, in media, 2,2 volte a partita.

Numeri identici sotto questi aspetti, che fanno sì che entrambi abbiano punteggi molto simili sul sito SofaScore: Cristiano Ronaldo ha una valutazione media di 7.8. Ibrahimovic, 7,6 – entrambi sono tra i sei migliori in Serie A. Questo, considerando anche con una leggera differenza nella posizione occupata dai due, in campo.

Mentre CR7 manovra un po’ più a sinistra, Ibra ricopre il ruolo di centravanti classico, a cui siamo abituati. Tuttavia, le somiglianze nei numeri continuano: i due hanno un tasso di conversione simile: il 17% il portoghese, il 19% lo svedese, e quasi la stessa media di gol a partita (da 0,9 a 0,8). È interessante notare che i due sono stati anche nella squadra della settimana scelta da SofaScore lo stesso numero di volte: 5.

Un po’ di numeri (lordi)
La differenza tra CR7 e Ibra è quindi nei numeri “lordi”. Questo, ovviamente, a causa della disparità di partite tra i due nell’attuale Serie A. Quindi, mentre Cristiano Ronaldo ha 27 gol e tre assist – ed è il capocannoniere della competizione – Zlatan Ibrahimović ha segnato 15 volte e ha fornito due passaggi per gol.

Tuttavia, non sono solo i voti positivi a essere influenzati. In termini di grandi chance sprecate, il portoghese è in vantaggio: 26 a 14. È sempre la stessa storia: chi gioca di più, segna più gol, ma spreca anche più occasioni…

Per quanto riguarda il modo in cui ognuno di loro ha segnato, abbiamo osservato molta versatilità. Di destro, di sinistro, di testa. In altre parole, marcarli è un compito ingrato per i difensori.

Cristiano Ronaldo
15 gol di destro (6 dal dischetto)
5 gol di sinistro
7 gol di testa

Zlatan Ibrahimovic
8 gol di destro (3 da rigore)
4 gol della gamba sinistra
3 gol di testa

Costanza a favore di CR7
Nonostante i 27 gol fatti, non si può dire che la stagione di Cristiano Ronaldo sia eccezionale. Questo, ovviamente, tenendo conto del pieno potenziale del cinque volte migliore al mondo, e di quello che gli abbiamo già visto fare – anche alla stessa Juventus, perché no?

Anche così, nella battaglia di CR7 contro Ibra, nello specifico, possiamo dire che il portoghese ha mostrato maggiore costanza per tutta la stagione. Ovviamente, questo ha a che fare con la maggiore frequenza di Cristiano nelle formazioni titolari della sua squadra. Ibrahimović ha saltato molte partite, pertanto, non ha collezionato una buona sequenza di gare per evolvere le sue prestazioni e i suoi numeri.

L’inizio della Serie A dello svedese è stato mozzafiato, è vero. Ha segnato 10 volte nelle sue prime sei partite. Tuttavia, non è riuscito a mantenere la media, trovando il gol altre cinque volte, solo nelle successive 12 partite. Cristiano ha una migliore distribuzione dei gol in questa stagione. Non per niente, la Juve è rimasta sempre nella stessa parte della classifica (3° e 4° posto), mentre il Milan è caduto spesso nelle ultime giornate.

Ibra più decisivo
Se la costanza non è la forza di Zlatan Ibrahimović, l’importanza dei suoi gol si è rivelata un fattore di differenziazione. Soprattutto nei primi turni di Serie A. Lo svedese ha segnato più gol “decisivi” per il punteggio finale, nello scontro a distanza con Cristiano. Insomma, Ibra ha garantito più punti (nella media totale) al Milan, rispetto a quelli che CR7 ha fornito alla Juventus, contando soltanto gol e assist.

Ibrahimović è stato direttamente responsabile della conquista di 15 dei 64 punti disputati (23,4%). Cristiano ha collezionando, diciamo, “da solo” 18 punti su 90 (20%). Poca differenza, è vero, ma dà un leggero vantaggio alla maglia numero 11 del Milan. Ibra è stato più decisivo e ha interferito maggiormente nella posizione attuale della sua squadra – questo, ovviamente, considerando la media e non il “punteggio lordo”.

Pertanto, ci dispiace per i tifosi rossoneri. Dove sarebbe ora il Milan se Zlatan avesse giocato più spesso? Forse, la sua presenza avrebbe elevato la squadra a un livello più alto in classifica. Non lo sapremo mai. Ricordando soprattutto che Milan e Juventus sono a pari merito, con 69 punti ciascuna, 3° e 4° in classifica. La Vecchia Signora è però avanti per il successo nello scontro diretto.

Tuttavia, il fatto è che CR7 e Ibra sono veri fattori determinanti per la vittoria delle loro squadre. I due attaccanti hanno qualcosa in comune: sia nelle cinque sconfitte della Juventus che nelle sette del Milan in questa Serie A, nessuno dei due ha segnato. In altre parole, vuoi battere la Juve o i rossoneri? Il primo passo, forse, è annullare i marcatori di ogni squadra. Così, tutto è meno complicato…

Allora, chi è il migliore?
Naturalmente, solo i numeri, le statistiche, le medie e le stime non risolvono questo problema. È qualcosa di molto più soggettivo, che tiene conto delle prestazioni, del contesto delle partite, delle squadra che si affrontano. Tuttavia, analizzare questi dati ci aiuta a capire un po’ della storia di CR7 e Ibra in questa stagione.

A mio modesto parere, indicherò l’asso portoghese come leggermente migliore. Come ho detto, né lui né la Juve hanno una stagione spettacolare. Ma, piaccia o no, CR7 è stato più presente, ha mostrato una certa coerenza e – probabilmente – saprà fare ancora male. Il ragazzino (tra i due), quindi, anche se al di sotto dei suoi standard, continua a seminare il caos. Nulla di ciò però toglie merito all’incredibile rendimento del “nonno” Ibrahimovic.

Stasera vedremo un altro atto di questo duello sempre così emozionante. La retrospettiva è favorevole a Cristiano: cinque vittorie, quattro pareggi e due sconfitte quando ha incontrato il suo rivale svedese, sia per club che per squadra nazionale. Questa volta la partita però vale troppo. A quattro turni dalla fine, la lotta per un posto in Champions League è intensa. E, sia per la Juventus che per il Milan, una sconfitta nel classico potrebbe trasformare il finale di stagione in un disastro.

Allo stesso tempo, potremmo anche stare dinanzi all’ultimo grande scontro tra CR7 e Ibra nella storia. Sarà così? Chissà: a questo punto, vale la pena tifare per entrambi. Soprattutto, non si dovrà perdere questa partita.

Standings provided by SofaScore LiveScore