Kokorin, dalla Russia per stupire

Un fine settimana delicato per la Fiorentina di Cesare Prandelli. Il tennistico 6-0 rimediato a Napoli ormai è acqua passata, perché la compagine gigliata è chiamata a dare il massimo sforzo nella sfida contro il Crotone, una passaggio fondamentale in ottica salvezza.

A Firenze in questo periodo gli argomenti che coinvolgono la piazza sono molteplici. La questione stadio sempre più enigmatica, poi si è aggiunto il timore di una partenza di Ribery e infine le immancabili notizie di calciomercato. L’ultima in particolare riguarda Aleksandr Kokorin, attaccante russo classe 1991 ormai prossimo a indossare la casacca viola. L’affare è dato in dirittura d’arrivo, al punto da far ipotizzare una convocazione contro il Torino, ma qualcuno predica calma a partire dal tecnico Prandelli: “Aspetto visite e ufficialità, poi ne parleremo”.

https://twitter.com/fcsm_eng/status/1352267275831795715

Tante perplessità legate a questa trattativa. Il giocatore vuole lasciare la Russia e giocare nel calcio italiano, come dimostra la volontà di ridursi lo stipendio per raggiungere questa opportunità in carriera; la sua frase “Sarà necessario un mese” nel frattempo ha già fatto scattare qualche campanello d’allarme. Certamente non ci si può aspettare tutto e subito da un neo arrivato, però qui parliamo di un giocatore alla soglia dei 30 anni, una vera scommessa, di sicuro non l’innesto prioritario di cui ha necessità l’attuale Fiorentina. Ci sono poi quelle controversie nel suo curriculum che ne delineano un personaggio particolarmente disinvolto, capace magari di far parlare più fuori dal campo. La Fiorentina sta per chiudere quella che appare sempre più una scommessa, ma il tifoso storce la bocca giustamente perché in questo periodo ha bisogno di certezze e non di incognite. C’è solo da sperare che la storia futura metta a tacere questi dubbi.