Fantacalcio Serie A 2020/21: i consigli su chi schierare e chi evitare nella 4/a giornata

Fra dubbi e certezze (o presunte tali), ogni fantallenatore è chiamato a fare delle scelte nel momento in cui schiera la propria formazione. Mettere tizio in campo e lasciare caio in panchina può rivelarsi la scelta azzeccata o una mossa scellerata. Ci sono, tra l’altro, tante varianti da tenere in considerazione: intanto, bisogna sapere chi salterà il turno di campionato (squalificati, infortunati e non convocati), poi occorre valutare come si sono allenati in settimana i propri giocatori e gli incroci che il calendario propone. Per il resto, è un mix di fantasia, intuito, coraggio e una gran bella dose di fondoschiena. Tuttavia, la fortuna va aiutata e per questo vi diamo qualche consiglio, consapevoli che, inevitabilmente, accadrà di essere smentiti dai fatti. Ma questo, d’altronde, è il bello del Fantacalcio!

Con lo stop delle trattative e col rientro dei calciatori dagli impegni con le nazionali, il campionato di Serie A entra nel vivo, COVID permettendo. La quarta giornata prenderà il via questo pomeriggio con l’anticipo scoppiettante fra Napoli e Atalanta (ore 15), poi la serata si infiamma con Samp-Lazio, ma soprattutto col derby Inter-Milan, entrambe in programma alle 18. In serata, la Juve sarà di scena a Crotone (20:45). Domenica si comincia con Bologna-Sassuolo (12:30), poi due sfide alle 15 (Spezia-Fiorentina e Torino-Cagliari), a seguire Udinese-Parma (18) e Roma-Benevento (20:45). Epilogo con posticipo a lunedì: Verona-Genoa, alle 20:45.
GLI SQUALIFICATI – Sensi, Immobile.
GLI INDISPONIBILI – Insigne, Gollini, Caldara, Vecino, Musacchio, Rebic, Proto, Luiz Felipe, S. Radu, Lazzari, Lulic, A. Pereira, Benali, Riviere, de Ligt, Ramsey, Dijks, Medel, Poli, Skov Olsen, Romagna, Rogerio, Ayhan, Zoet, Mattiello, Ismajli, Deiola, Mastinu, Galabinov, Baselli, G. Pereiro, Musso, Stryger Larsen, Walace, Jajalo, Mandragora, Busi, Brunetta, Mihaila, Sprocati, Cornelius, Inglese, Smalling, Pastore, Zaniolo, Barba, Viola, Moncini.
“LISTA” COVID – Elmas, Zielinksi, Carnesecchi, I. Radu, Skriniar, Young, Gagliardini, Nainggolan, Gabbia, Duarte, McKennie, Ronaldo, Toljan, Marchizza, Diawara, Gunter, Barak, Criscito, Zappacosta, Lerager, Cassata, Destro, Males.
IN DUBBIO – Bastoni, Sanchez, Conti, Gabbiadini, Marusic, Fares, Alex Sandro, Chiriches, Magnanelli, Defrel, Deulofeu, Karsdorp, Di Carmine, Sturaro.

LA TOP 11 (3-4-3) – Silvestri (Hellas Verona); D’Ambrosio (Inter), Milenkovic (Fiorentina), Spinazzola (Roma); Candreva (Sampdoria), Soriano (Bologna), Castrovilli (Fiorentina), Mkhitaryan (Roma); Favilli (Hellas Verona), Lukaku (Inter), Morata (Juventus).
LA CERTEZZA – Romelu Lukaku sta attraversando un periodo di forma strepitoso: già tre gol in campionato e altrettanti in due partite di Nations League con il Belgio. Un bomber di razza che ora è chiamato a fare la differenza anche nelle gare che contano. E il derby, oggi, è una di queste.
LA SORPRESA – Con Di Carmine in dubbio e Kalinic non ancora in ottima forma, potrebbe toccare ad Andrea Favilli prendersi sulle spalle il peso dell’attacco scaligero contro il Genoa. Già in rete contro l’Udinese, il ragazzo dovrà sfruttare queste occasioni, anche perché dopo due anni di promesse questo può essere davvero l’anno della sua consacrazione.

LA FLOP 11 (3-4-3) – Sportiello (Atalanta); Magallan (Crotone), Kjaer (Milan), Masiello (Genoa); Bernardeschi (Juventus), Brozovic (Inter), Dabo (Benevento), Ilicic (Atalanta); Kalinic (Hellas Verona), Karamoh (Parma), Boga (Sassuolo).
LA CERTEZZA IN NEGATIVO – Il ritorno del “Professore” Ilicic fra i convocati dell’Atalanta è stato accolto con sollievo dai fantallenatori che hanno puntato su di lui ma in generale dai tanti estimatori delle magie dello sloveno. Eppure, è decisamente presto per puntarci, perché la sfida di Napoli si preannuncia tosta e alla stella della Dea mancano i classici minuti nelle gambe, dopo mesi di inattività.
LA CONTRO-SCOMMESSA – Il difensore argentino del Crotone, Lisandro Magallan, è fra i nomi più interessanti nella difesa dei pitagorici, ma la gara contro la Juve, anche se orfana di CR7, si preannuncia a dir poco insidiosa. Meglio tenerlo in caldo per qualche altra gara e chissà che in futuro non possa regalare anche qualche bonus.

Condividi
Sardo di origini sicule, ama il calcio dalle “notti magiche” di Italia ’90. È laureato in Lingue con una tesi sulla lingua del calcio. Pubblicista, ha collaborato col periodico Vulcano e la tv sarda Videolina.