Allsvenskan 3/a – Norrköping a punteggio pieno, all’AIK il primo derby della stagione

Avanti a tutta forza con l’Allsvenskan. Il massimo campionato svedese di calcio prosegue senza intoppi: nessun giocatore è risultato infatti positivo, per ora, al Coronavirus. Dal punto di vista calcistico, tante reti e tante emozioni in un torneo dove, come nel resto d’Europa, il fattore campo pesa di meno.

A farne le spese, tra le altre, l’Hammarby, una delle squadre che, tradizionalmente, gode del supporto di un pubblico caldissimo. I Bajen, infatti, nel primo derby della stagione, si sono dovuti inchinare ai rivali dell’AIK, che li hanno piegati con due reti, nella ripresa, a 2′ di distanza l’una dall’altra. Al 55′, percussione di Abraham che punta verso la porta, per poi scaricare su Hussein alla sua destra: conclusione secca sul secondo palo e sfera nel sacco. 2′ più tardi, lo stesso Hussein entra in area, dove viene contrastato fallosamente da Widgren e Fällman: rigore, che lo specialista Sebastian Larsson trasforma, spiazzando il portiere avversario.

Il Norrköping, non troppo a sorpresa, si ritrova così in testa a punteggio pieno. Domenica, nella sfida contro i campioni del Djurgården, visibile anche su Sportitalia, i Peking, con una partita accorta ma ben giocata, hanno infatti battuto anche gli Järnkaminerna, al secondo stop consecutivo. Di Nyman (20′), Lauritsen (38′) e Levi (83′) le reti dei biancoblù, la cui superiorità non è mai stata messa in discussione dagli avversari, apparsi in difficoltà soprattutto dal punto di vista atletico. Di rilievo, per i padroni di casa, la prestazione di Hakšabanović il quale, pur non essendo ancora al 100% fisicamente, ha messo il piede in due delle reti segnate dai suoi.

Nuovo mezzo passo falso, invece, per il Malmö, tradito dalla stella Christiansen, espulso al 37′ per doppia ammonizione. Opposti alla coriacea neopromossa Varberg, gli Himmelsblått sono passati in vantaggio per primi con Rieks al 7′, ma sono stati raggiunti 2′ più tardi grazie a uno stupendo contropiede finalizzato da Johansson, che aveva ricevuto un lancio con il contagiri da parte di Lindner. Nella ripresa, con i padroni di casa in 10, gli ospiti sono andati addirittura in vantaggio con Norlin al 75′. Per fortuna di Tomasson, ci ha pensato il neo papà Thelin a raddrizzare la sfida, a 7′ dalla fine, scaraventando nel sacco una respinta difettosa della retroguardia avversaria.

Chi sale in silenzio è il Kalmar: i biancorossi, accreditati per un torneo anonimo o, peggio ancora, a rischio retrocessione, si trovano stasera, con sei lunghezze, nella parete alta della graduatoria. Per loro, a questo giro, vittoria in trasferta, maturata nella ripresa, sul campo del Falkenbergs.

Tre, invece, i pareggi nei posticipi di ieri. Il Göteborg ha dovuto inseguire, sul proprio campo, la neopromossa Mjallby, mentre l’Häcken, raggiunto in trasferta dal Sirius, deve rimandare il suo primo appuntamento stagionale con la vittoria. Pareggio senza reti, infine, per l’Helsingborg, che ottiene il primo punto della stagione.

Allsvenskan 2020 3/a giornata – risultati

Domenica 21 giugno

Malmö-Varbergs  2-2  (1-1) 
Falkenbergs-Kalmar  0-2  (0-0)
Örebro-Östersunds  0-0 
Hammarby-AIK  0-2  (0-0)
Norrköping-Djurgården  3-0  (2-0)

Lunedì 22 giugno

Sirius-Häcken  2-2  (1-2)
Helsingborg-Elfsborg  0-0 
Göteborg-Mjallby  2-2  (0-1)

CLASSIFICA PROVVISORIA ALLSVENSKAN 2020  – 3/a giornata 

Pos. Squadra Gol fatti/subiti Punti | Pos. Squadra Gol fatti/subiti Punti
1 Norrköping 9/2 9 | 9 Hammarby 4/4 4
2 Kalmar 7/2 6 | 10 Falkenbergs 2/3 4
3 AIK 5/4 6 | 11 Örebro 2/3 4
4 Malmö 5/3 5 | 12 Häcken 4/4 3
5 Elfsborg 2/1 4 | 13 Djurgården 3/5 3
6 Varbergs 6/4 4 | 14 Mjallby 2/5 1
7 Sirius 4/4 4 | 15 Östersunds 0/4 1
8 Göteborg 4/4 4 | 16 Helsingborg 0/7 1

Legenda: qualificata ai preliminari di CL, qualificate ai preliminari di EL, allo spareggio per non retrocedere con la terza classificata in Superettan, retrocesse in Superettan

Condividi
Da bambino si innamorò del calcio vedendo giocare a San Siro Rivera e Prati. Milanese per nascita e necessità, sogna di vivere in Svezia, e nel frattempo sopporta una figlia tifosa del Bayern Monaco.