Buon Compleanno Italia ’90 – Spagna prima, avanti in extremis l’Uruguay. Prima vittoria per l’Inghilterra

GIRONE E – BELGIO-SPAGNA  1-2 (1-2)

La Spagna chiude il proprio percorso nella fase a gironi vincendo anche l’ultima partita per 2-1 contro il Belgio, scavalcandolo così in classifica e ottenendo il primo posto, che qualifica dunque Suárez e i suoi assieme a Belgio e Uruguay. La gara si decide nel primo tempo, con il Belgio che sfiora la rete con Culemans, lanciato a rete ma con Zubizarreta che riesce a salvare il risultato, e gli iberici ne approfittano poco dopo per passare in vantaggio: al 20′, Salinas viene servito alla perfezione da un passaggio filtrante del compagno e, superato in velocità Preud’homme, viene abbattuto in area, con l’arbitro che fischia il rigore. Dagli undici metri, Michel trasforma con un bel tiro angolato, con il portiere avversario che riesce solo a intuire la direzione. Gli uomini di Thys continuano a spingere, con Degryse che di testa costringe Zubizarreta ancora a un ottimo intervento, alzando il pallone oltre la traversa, ma al 26′ arriva il pareggio: Vervoort s’incarica di calciare una punizione dalla trequarti e fa partire un gran sinistro, lasciando senza scampo Zubizarreta. Per gli uomini di Thys, però, non c’è molto tempo per esultare, perché al 38′ la Spagna torna in vantaggio: da punizione sulla sinistra, Míchel riesce a pescare Gorriz sul secondo palo, con quest’ultimo che infila di testa il portiere per il 2-1 iberico.

Nella ripresa, il Belgio trova un’enorme occasione per pareggiare: al 59′, Scifo è bravo a inserirsi in area e un avversario lo atterra, con Loustau che assegna un altro rigore nonostante le proteste degli uomini di Suárez. Dagli undici metri, però, propri Scifo colpisce il palo, senza riuscire a siglare il nuovo pareggio. La gara termina dunque con la vittoria della Spagna per 2-1: gli iberici si qualificano agli ottavi di finale come capolisti nel girone, prima sconfitta per il Belgio fin qui perfetto, ma costretto ad accontentarsi del passaggio del turno come seconda classificata.

TABELLINO:

Belgio (5-3-2): Preud’Homme; Emmers (31′ Plovie), Demol, Albert, De Wolf, Vervoort; Staelens (78′ van der Linden), Scifo, van der Elst; Ceulemans, Degryse. All. Thys
Spagna (4-4-2): Zubizarreta; Chendo, Sanchís, Andrinua, Gorriz; Míchel, R. Fernández, Martin Vasquez, Villarroya; Butragueño (82′ Alkorta), Salinas (88′ Pardeza). All. Suárez
Arbitro: Loustau (ARG)
Marcatori: 20′ rig. Míchel (S), 26′ Vervoort (B), 38′ Gorriz (S)
Note – Ammoniti:

Classifica Girone E: Spagna 5; Belgio 4; Uruguay 3; Corea del Sud 0
Spagna, Belgio e Uruguay qualificate agli ottavi di finale

 

GIRONE E – COREA DEL SUD-URUGUAY  0-1 (0-0)

Un gol in pieno recupero diventa decisivo per la qualificazione agli ottavi di finale dell’Uruguay. Una vittoria al cardiopalma per gli uomini di Tabarez, che soltanto all’ultimo secondo sono riusciti a trovare un successo fondamentale per la qualificazione, costringendo la Corea del Sud a chiudere il suo percorso all’ultimo posto senza nemmeno un punto conquistato. Al termine di una gara molto lottata e con gli asiatici in dieci uomini per gli ultimi 20′ dopo l’espulsione di Yoon, l’eroe della giornata per il popolo uruguagio è Fonseca, subentrato a Sosa al 62′ e risultato l’autore del gol decisivo: al 91′, i sudamericani conquistano una punizione sulla trequarti, Dominguez si incarica della battuta e riesce a pescare tutto solo il prossimo attaccante del Cagliari, che di testa fulmina Choi e fa esplodere i suoi, regalando all’Uruguay il passaggio del turno in extremis.

TABELLINO:

Corea del Sud (5-3-1-1): Choi In-young; Park Kyung-hoon, Hong Myung-bo, Jong-su Jeong, Yoon Deok-yeo, Choi Kang-He; Choi Soon-ho, Byun Byung-joo (43′ Seon-hong Hwang), Heung-sil Lee; Hwangbo Kwan (79′ Hae-won Chung); Kim Joo-sung. All. Lee Hoe-taik
Uruguay (4-4-2): Alvez; Herrera, Gutiérrez, de León, Domínguez; Martínez, Perdomo, Ostolaza (46′ Aguilera), Rubén Paz; Francescoli, Sosa (62′ Fonseca). All. Tabárez
Arbitro: Lanese (ITA)
Marcatori: 90’+1′ Fonseca
Note – Ammoniti: Heung-sil Lee, Kang-he Choi (C); Ostolaza, Herrera (U)
Espulsioni: Al 70′ Deok-yeo Yoon (C)

Classifica Girone E: Spagna 5; Belgio 4; Uruguay 3; Corea del Sud 0
Spagna, Belgio e Uruguay qualificate agli ottavi di finale

GIRONE F – INGHILTERRA-EGITTO  1-0 (0-0)

Dopo due pareggi nelle prime gare, l’Inghilterra riesce finalmente a sbloccarsi contro l’Egitto, conquistando la prima vittoria del suo torneo come capolista di uno dei gironi più equilibrati di questo Mondiale. Come dimostrato anche nelle precedenti gare, i nordafricani si rivelano una squadra ostica e i ragazzi di Robson riescono a sbloccare il risultato soltanto al 64′: Gascoigne s’incarica della battuta di un calcio di punizione dalla sinistra, Shobeir esce fuori tempo e Wright riesce a punirlo anticipandolo di testa e mettendo in rete. Gli inglesi trovano così il primo successo del proprio torneo, con la conseguente qualificazione agli ottavi di finale; finisce qui l’ottimo torneo dell’Egitto.

TABELLINO:

Inghilterra (4-4-2): Shilton; Parker, Wright, Walker, Pearce; Waddle (87′ Platt), McMahon, Gascoigne, Barnes; Bull (84′ Beardsley), Lineker. All. Robson
Egitto (4-4-2): Shobeir; I. Hassan, Yakan, Ramzi, Yassin; El Kass (77′ Abdelhamid), Abdelghani, Abdelhamid (77′ Soliman), Ramzy; Youssef, H. Hassan. All. El Gohary
Arbitro: Rhötlisberger (SVI)
Marcatori: 64′ Wright
Note – Ammoniti: Beardsley (I); Abdelghani, I. Hassan (S)

Classifica Girone F: Inghilterra 4; Irlanda 3; Olanda 3; Egitto 2
Inghilterra, Irlanda e Olanda qualificate agli ottavi di finale

 

GIRONE F – IRLANDA-OLANDA  1-1 (0-1)

Terza partita e terzo pareggio di fila sia per Irlanda che Olanda, che si qualificano a braccetto agli ottavi di finale, con gli irlandesi che chiudono al secondo posto in seguito al sorteggio. La gara si mette subito bene per gli uomini di beenhakker, che dopo 10′ sbloccano la partita con una splendida azione: Gullit parte palla al piede, scambia con van Basten e, entrato in area, scarica un preciso diagonale che fulmina Bonner.

L’Irlanda continua a provarci e, al 71′, trova anche il pesante gol del pareggio sfruttando un clamoroso pasticcio della difesa avversaria: van Aerle tocca all’indietro con qualche rischio per il portiere, ma van Breukelen perde il pallone dalle mani e Quinn è il più veloce di tutti a depositare in rete. Al triplice fischio, è grande festa sugli spalti per i tifosi irlandesi, che festeggiano la qualificazione al prossimo turno; passa, anche se con molte riserve, l’Olanda, da cui tutti si attendevano un percorso diverso.

TABELLINO:

Irlanda (4-4-2): Bonner; Morris, Moran, McCarthy, Staunton; Houghton, Townsend, McGrath, Sheedy (62′ Cascarino); Aldridge (62′ Whelan), Quinn. All. Charlton
Olanda (5-3-2): van Breukelen; van Aerle, R. Koeman, Rijkaard, Wouters, van Tiggelen; Kieft (78′ van Loen), Gullit, Witschge (58′ Fraser); Gillhaus, van Basten. All. Beenhakker
Arbitro: Vautrot (FRA)
Marcatori: 10′ Gullit (O), 71′ Quinn (I)
Note – Ammoniti: Rijkaard (O)

Classifica Girone F: Inghilterra 4; Irlanda 3; Olanda 3; Egitto 2
Inghilterra, Irlanda e Olanda qualificate agli ottavi di finale

Condividi
Nato a Monza nel '95, ha tre grandi passioni: Mark Knopfler, la letteratura e il calcio inglese. Sogna di diventare giornalista d'inchiesta, andando a studiare il complesso rapporto tra calcio e politica.