Buon Compleanno Italia ’90 – All’Argentina non basta la rete di Monzón. Tonfo del Camerun, ma gli africani rimangono primi

GIRONE B – ARGENTINA-ROMANIA  1-1 (0-0)

Gara da dentro o fuori per Argentina e Romania, a cui basta però un pareggio per qualificarsi. E infatti va proprio così. Avviene tutto in cinque minuti: al 63′ Monzón sblocca la gara con un preciso colpo di testa su calcio d’angolo battuto da Maradona; al 68′ è Balint a trovare il guizzo vincente sotto misura che vale l’1-1 finale. Con il pari finiscono entrambe il girone a braccetto, ma la differenza reti premia la Romania, che avrà, sulla carta un ottavo di finale più agevole. Per l’Argentina l’ennesima occasione sprecata per mostrare bel gioco e vittoria.

TABELLINO:

Argentina (3-4-1-2): Goycochea; Serrizuela, Simón, Monzón; Basualdo, Batista, Troglio (53′ Giusti), Olarticoechea; Burruchaga (60′ Dezotti); Maradona, Caniggia. All. Bilardo
Romania (3-4-1-2): Lung; Klein, Andone, Popescu; Rednic, Sabau (82′ Mateut), Rotariu, Lupescu; Hagi (56′ Dumitrescu); Lăcătuș, Balint (72′ Lupu). All. Jenei.
Arbitro: Silva Valente (Portogallo)
Marcatori: 63′ Monzón (A), 68′ Balint (R)
Note – Ammoniti: Serrizuela, Batista (A), Lăcătuș, Hagi, Lupescu (R)

 

CAMERUN-UNIONE SOVIETICA  0-4 (0-2)

L’Unione Sovietica, ferita nell’orgoglio dalle due sconfitte subite, parte subito forte. E al 20′ va in vantaggio con Protasov, che raccoglie un suggerimento dalla destra di Lytovchenko. Passano pochi minuti e c’è il raddoppio: azione tambureggiante di Alejnikov che colpisce la traversa a N’Kono battuto, sotto misura c’è Zygmantovic che a porta vuota non può sbagliare. Il Camerun è inconsistente, probabilmente condizionato dalla sicura qualificazione. Nella ripresa Zavarov si inserisce approfittando di un’errata lettura della difesa camerunense e piega le mani di N’Kono. Il poker è servito al 63′: trova gloria anche il futuro genoano Dobrovolski, che da pochi passi trova la zuccata vincente. È una sconfitta altisonante per il Camerun, ma poco dannosa: gli uomini di Nepomnyaschiy chiudono comunque primi nel girone.

Camerun (4-4-2): N’Kono; Tataw, Onana, Kundé (34′ Milla), Ebwellé; N’dip, M’féde, Kana-Biyik, M’bouh; Makanaky (56′ Makanaky), Omam-Biyik. All. Nepomnyaschiy
Unione Sovietica (4-4-1-1): Uvarov; Gorlukovich, Khidiyatullin, Kutzetsov, Demyanenko; Lytovchenko (72′ Yeremchuk), Alejnikov, Zygmantovich, Shalimov (46′ Zavarov); Dobrovolski; Protasov. All. Lobanovskyi
Arbitro: Wright (Brasile)
Marcatori: 20′ Protasov, 29′ Zygmantovich, 55′ Zavarov, 63′ Dobrovolski
Note – Ammoniti: Milla, Kana-Biyik (C); Protasov (U)

Classifica finale Girone B: Camerun 4; Romania, Argentina 3, Unione Sovietica 2.

 

Condividi
Empolese e orgoglioso di esserlo, ha cominciato ad amare il calcio incantato dal mito di Van Basten. Amante dei viaggi, giocatore ed ex insegnante di tennis, attualmente collabora con pianetaempoli.it.