Dal 15 giugno parte #eFemminile, il campionato femminile della Lega Nazionale Dilettanti

Si allargano gli orizzonti degli eSports griffati Lega Nazionale Dilettanti. Dopo il Roadshow, #iogiocoacasacup e la #eSerieD è il momento della #eFemminile, un tassello importante che va ad impreziosire il mosaico dell’universo dei gamers della LND. Un’iniziativa in prima assoluta che ha visto l’adesione di dieci club della Serie C femminile, pronti ad affrontarsi a colpi di joypad e che comincerà lunedì 15 giugno per terminare l’8 luglio.

Le dieci squadre sono la neopromossa Catanzaro, le realtà emergenti Sicula Leonzio e Sant’Egidio, la capolista del Girone D Pomigliano, le realtà ormai consolidate in LND Apulia Trani, Caprera, Res Women e Torres, e la blasonata Pescara. Queste formazioni parteciperanno a un girone all’italiana con gare di andata e ritorno con nove partite al giorno per ogni giorno, tranne il sabato e la domenica, per un torneo che metterà in palio il primo Scudetto di questa nuova categoria.

Soddisfatto il Vice Presidente della LND con delega al calcio femminile Sandro Morgana:“La prima cosa che sento dire è che sono molto orgoglioso delle nostre Società. Ancora una volta hanno dimostrato l’attitudine all’innovazione, all’adattamento, al piacere di condividere, recependo pienamente l’intento della LND in questo particolare momento storico. Non si possono ancora calcare i campi in erba ma questo non ha fermato la voglia di giocare, di lottare per una vittoria e di sognare la conquista di un trofeo: virtuale la competizione sì ma non certo la passione. Sono quindi felice di ritrovarmi a dare il mio in bocca al lupo alle ragazze che lunedì prossimo inaugureranno il primo campionato eSport della Serie C femminile. Abbiamo voluto, come LND nel suo complesso, offrire una possibilità per “stare insieme” mettendo al centro divertimento ed amicizia. Auguri quindi alle nostre calciatrici che in attesa di tornare a calciare il pallone vero, sono sicuro, metteranno la grinta di sempre anche in questa sfida”.

Condividi
Parte-nopeo e parte bolognese, ha collaborato a vari progetti editoriali e sul web (Elisir, Intellego, Melodicamente). Ha riscoperto il piacere del calcio guardando quello femminile.