Fantacalcio Serie A 2019/20: i consigli su chi schierare nella 20/a giornata

Fra dubbi e certezze (o presunte tali), ogni fantallenatore è chiamato a fare delle scelte nel momento in cui schiera la propria formazione. Mettere tizio in campo e lasciare caio in panchina può rivelarsi la scelta azzeccata o una mossa da maledire a lungo. Ci sono, tra l’altro, tante varianti da tenere in considerazione: intanto, bisogna sapere chi salterà il turno di campionato (squalificati, infortunati e non convocati), poi occorre valutare come si sono allenati in settimana i propri giocatori e gli incroci che il calendario propone. Per il resto, è un mix di fantasia, intuito, coraggio e una gran bella dose di fondoschiena. Tuttavia, la fortuna va aiutata e per questo vi regaliamo qualche consiglio, consapevoli che, inevitabilmente, accadrà di essere smentiti dai fatti. Ma questo, d’altronde, è il bello del Fantacalcio!

Superato il giro di boa, ci apprestiamo a vivere la prima giornata del girone di ritorno. A inaugurare le danze allo stadio Olimpico saranno Lazio e Samp, sabato pomeriggio alle 15. A seguire, Sassuolo-Torino (18) e Napoli-Fiorentina (20:45). Domenica a pranzo saremo a San Siro per Milan-Udinese, poi tre gare pomeridiane: Brescia-Cagliari, Bologna-Verona, ma soprattutto Lecce-Inter. Le ultime gare domenicali, invece, saranno Genoa-Roma (18) e Juve-Parma (20:45). Si chiude lunedì col posticipo Atalanta-SPAL (20:45).
LA TOP 11 (3-4-3) – Ospina (Napoli); de Ligt (Juventus), Danilo (Bologna), Castagne (Atalanta); Djuričić (Sassuolo), Pellegrini (Roma), Sensi (Inter), Gómez (Atalanta); Caicedo (Lazio), Balotelli (Brescia), Rafael Leão (Milan).
LA CERTEZZA – In mezzo a tante certezze, stavolta, scegliamo forse il giocatore meno appariscente, ma spesso decisivo dal punto di vista del fantacalcio. Oltre a essere reduce dalla doppietta in Coppa Italia contro il Parma, Lorenzo Pellegrini è un perno della Roma di Fonseca: inserimenti, assist, tiri da fuori e piazzati. Già sei passaggi vincenti e un gol in questo campionato, impossibile non schierare uno così.
LA SORPRESA – Il gol a Cagliari ne ha rilanciato le quotazioni. Rafael Leão ha vissuto finora una stagione di alti e bassi, ma l’arrivo di Ibra al Milan spalanca per il portoghese scenari inaspettati. Il campione svedese è in grado di mandare in porta chiunque, oltre che di creare spazi che un giocatore così tecnico e rapido non può che sfruttare al meglio. Da tenere d’occhio.

Condividi
Sardo di origini sicule, ama il calcio dalle “notti magiche” di Italia ’90. È laureato in Lingue con una tesi sulla lingua del calcio. Pubblicista, ha collaborato col periodico Vulcano e la tv sarda Videolina.