I numeri disastrosi dei 18′ di Kean contro il Manchester United. E un video mostra il perché del cambio

Entrato al 70′ e uscito all’88’, senza alcun problema fisico, Moise Kean ha vissuto forse l’esperienza più difficile e umiliante della sua carriera proprio ieri, nella delicata sfida contro il Manchester United. Una notizia che ha fatto subito il giro di tutto il mondo ed è arrivata ovviamente in Italia, dove diversi tifosi hanno sollevato le proprie perplessità sullo stato di forma del giovane attaccante, che fino a qualche mese fa sembrava essere riuscito a esplodere con la maglia della Juventus. Ma la sua esperienza in Inghilterra è stata fin qui disastrosa, con il ragazzo che ha giocato finora 14 partite in tutte le competizioni, senza mai riuscire a segnare o anche solo a lasciare il segno con buone prestazioni.

La scelta di Ferguson, per certi versi piuttosto coraggiosa e, per questo motivo, anche molto applaudita dai tifosi dell’Everton, ha però lasciato tutti di stucco. Il tecnico ad interim dei Toffees aveva infatti deciso di lanciare il classe 2000 al posto di Bernard per riuscire ad avere maggior freschezza in un momento delicato della gara, con i suoi temporaneamente avanti nel risultato anche a Old Trafford, non lontani da riuscire a fare un altro colpo dopo quello con il Chelsea della settimana prima. Ma l’impatto di Kean in campo è stato praticamente pari a zero, come testimoniato anche dai disastrosi numeri di quei 18′: appena 9 tocchi dal suo ingresso, 0 duelli vinti su 5, nessun tackle e 6 palloni persi.

Ad aver spinto il tecnico dell’Everton a cambiare qualche minuto più tardi l’ex Juve con Niasse, con il risultato che era passato sull’1-1, non sono stati soltanto i numeri. Come testimoniato da diversi filmati, Kean ha mostrato sin da subito delle evidenti difficoltà sul piano atletico, ritrovandosi in sofferenza dopo solo qualche minuto dall’ingresso in campo. E, d’altro canto, lo stesso Ferguson in conferenza stampa ha giustificato il cambio proprio per questioni di freschezza fisica, preferendo dunque togliere un elemento in evidente difficoltà con un altro giocatore offensivo e veloce.

Un video pubblicato in rete sembra soprattutto confermare i dubbi emersi nella testa di Ferguson praticamente subito dopo il cambio. All’83’, Baines si prepara a battere un calcio d’angolo per i suoi e le telecamere inquadrano al centro dell’area, dove si trovano Calvert-Lewin e Keane pronti a saltare, mentre Kean si appoggia sulle ginocchia, mostrando evidenti segnali di stanchezza.

Il resto della sua partita è ormai conosciuto da tutti. E, soprattutto, è girata praticamente ovunque l’immagine della sua uscita dal campo, a testa bassa e senza nemmeno salutare Ferguson, finendo per confermare una volta di più la grande fatica fatta finora nell’ambientarsi in Premier League.

Condividi
Nato a Monza nel '95, ha tre grandi passioni: Mark Knopfler, la letteratura e il calcio inglese. Sogna di diventare giornalista d'inchiesta, andando a studiare il complesso rapporto tra calcio e politica.