Fantacalcio Serie A 2019/20: i consigli su chi schierare nell’11/a giornata

Fra dubbi e certezze (o presunte tali), ogni fantallenatore è chiamato a fare delle scelte nel momento in cui schiera la propria formazione. Mettere tizio in campo e lasciare caio in panchina può rivelarsi la scelta azzeccata o una mossa da maledire a lungo. Ci sono, tra l’altro, tante varianti da tenere in considerazione: intanto, bisogna sapere chi salterà il turno di campionato (squalificati, infortunati e non convocati), poi occorre valutare come si sono allenati in settimana i propri giocatori e gli incroci che il calendario propone. Per il resto, è un mix di fantasia, intuito, coraggio e una gran bella dose di fondoschiena. Tuttavia, la fortuna va aiutata e per questo vi regaliamo qualche consiglio, consapevoli che, inevitabilmente, accadrà di essere smentiti dai fatti. Ma questo, d’altronde, è il bello del Fantacalcio!

Terzo turno di campionato in otto giorni, l’undicesima giornata di Serie A prenderà il via domani, sabato, con tre anticipi di lusso: alle 15 Roma-Napoli, alle 18 Bologna-Inter, infine, alle 20:45 il derby della Mole Torino-Juventus. Domenica si comincia all’ora di pranzo con Atalanta-Cagliari, una sfida per le zone alte della classifica, contro ogni previsione. Alle 15 in campo Genoa-Udinese, Verona-Brescia e Lecce-Sassuolo, poi in serata sarà la volta di Fiorentina-Parma (18) e Milan-Lazio (20:45). Chiudono il turno SPAL e Samp lunedì sera allo stadio Mazza di Ferrara (20:45).
TOP 11 (3-4-3) – Berisha (SPAL); Rrahmani (Hellas Verona), Mancini (Roma), Calderoni (Lecce); Chiesa (Fiorentina), Agudelo (Genoa), Mancosu (Lecce), Zaniolo (Roma); Pinamonti (Genoa), Petagna (SPAL), Lukaku (Inter).
LA CERTEZZA – Sette gol in dieci partite è la migliore delle risposte alle critiche, un po’ ingenerose, che gli sono piovute addosso in questi primi mesi italiani. Romelu Lukaku è un fattore determinante nell’Inter di Antonio Conte e si è visto a Brescia, quando nella ripresa si è inventato un gol meraviglioso, calciando di sinistro a giro e trovando il secondo palo alla destra di Alfonso. Non sarà aggraziato, non avrà una tecnica sopraffina, ma ha una forza fisica devastante e fa gol. Cosa non da poco.
LA SORPRESA – Con Andreazzoli era un oggetto misterioso, ma da quando c’è Thiago Motta in panchina, il giovane colombiano Kevin Agudelo è diventato un perno quasi insostituibile del centrocampo del Grifone. In due partite un gol e un assist, domenica contro l’Udinese può portare altri bonus. Chi lo ha in rosa, lo schieri senza pensarci troppo.

Condividi
Sardo di origini sicule, ama il calcio dalle “notti magiche” di Italia ’90. È laureato in Lingue con una tesi sulla lingua del calcio. Pubblicista, ha collaborato col periodico Vulcano e la tv sarda Videolina.