Milan, ecco cosa può darti Rebić

Il Milan ha completato il suo reparto offensivo nell’ultimo giorno di mercato acquistando Ante Rebić dall’Eintrahct Francoforte. Contemporaneamente André Silva ha fatto il percorso inverso trasferendosi in Germania. Nonostante l’ultima partita giocata da titolare, i tifosi ormai avevano preso di mira il portoghese, fischiato anche al momento del cambio nella sfida contro il Brescia a San Siro.

Rebić potrà essere molto utile a Giampaolo essendo infatti un attaccante molto duttile. Non aspettatevi caterve di gol visto che con l’Eintracht non è mai andato oltre i nove gol in campionato della scorsa Bundesliga, ma tanta sostanza sì. Rebić infatti può giocare sia esterno, che seconda punta che all’occorrenza attaccante centrale. Ha un’ottima tenuta fisica ed è un giocatore a cui piace cercare la conclusione pur partendo a volte da lontano. Il croato nell’ultima stagione ha formato un tridente devastante insieme a Jović e Haller e toccava proprio a lui il compito di collegare il centrocampo ai due finalizzatoti principali della squadra.

Proprio per questo motivo potrà essere molto utile a Piątek: non gli pesterà i piedi, anzi lo sgraverà da compiti non suoi come quello di retrocedere per andarsi a prendere il pallone. Il polacco preferisce potrà tornare in una posizione più centrale lasciando fare a Rebić il lavoro “sporco” sulla fascia sinistra. Giampaolo potrebbe quindi anche decidere di passare al 4-3-3 (o 4-3-2-1) con SusoRebić ai lati di Piątek. Questo cambio tattico potrebbe giovare anche allo spagnolo, che da trequartista potrebbe tornare sul lato destro del campo rientrando sul mancino come spesso ci ha fatto vedere nelle ultime stagioni.

La fisicità del croato potrà essere utile anche in ripiegamento dando una mano al centrocampo in fase di non possesso. Sicuramente Rebić è un giocatore a cui piace giocare tanti palloni e questo, anche i termini di personalità, può solamente giocare a una squadra come il Milan, a cui proprio il carattere viene spesso a mancare. Stiamo infatti parlando di un giocatore che ha all’attivo una finale in un Mondiale 2018 giocato da titolare fisso e una semifinale di Europa League raggiunta la scorsa stagione. Insomma, Rebić a ventisei anni è nel pieno della sua carriera e torna in Italia, dopo la poco brillante esperienza alla Fiorentina, per dimostrare di poter essere un giocatore importante per il nuovo Milan di Giampaolo.

Condividi
Nato a Genova, dove vive attualmente. Ama molti sport tra cui basket, calcio, football americano e tennis. Segue il calcio italiano, europeo e sudamericano, con una forte passione per il campionato argentino.