Europa League 2019/2020 – L’andata del Primo Turno Preliminare

Tra le prime sgambate delle grandi squadre del nostro calcio, e il misto di rumours e ufficialità di mercato che scandiscono le settimane di luglio e agosto, per una sempre meno piccola fetta di amanti del football l’appuntamento calcistico estivo più atteso non è quello con i notiziari di mercato o gli highlights delle prime sedute di allenamento della propria squadra del cuore. Luglio, infatti, è il mese in cui prendono avvia i preliminari di Champions ed Europa League, che nelle loro prime fasi lasciano il proscenio a squadre di “seconda fascia” del palscenico europeo, senza però negarsi nè la partecipazione di club dal nome altisonante nè tantomeno la consueta pioggia di emozioni.

Tra le prime squadre chiamate in causa nel Primo Turno Preliminare di Europa League troviamo i Glasgow Rangers di Steven Gerrard, ai gironi della scorsa edizione di Europa League, che a Gibilterra latitano per un’ora per poi travolgere i locali del St. Joseph’s: il grimaldello che apre la contesa è la zampata di Jack al 50′, cui fanno seguito l’interno sinistro di Ojo, il tap-in di Goldson dopo una splendida punizione di Barišić e il sigillo finale di Morelos sugli sviluppi di corner.

Ipotecato il passaggio del turno per gli scozzesi, così come quello di Molde (7-1 al Reykjavik), FCSB (una volta Steaua Bucarest, vittoriosa 2-0 contro i moldavi del Milsami), MOL Vidi (5-1 a domicilio ai montenegrini dello Zeta, con l’ex-romanista Nego sugli scudi con una tripletta) e Malmö (7-0 al Ballymena, con pallone della gara in omaggio per Rosenberg). Lo stesso non si può dire per altre compagini (più o meno blasonate) che, tradite dalla scarsa condizione atletica o dal favore del pronostico, inciampano in uno scomodo passo falso: è il caso del Legia Varsavia che a Gibilterra fa solo 0-0 contro l’Europa F.C., ma i polacchi sono in nutrita compagnia. Il Brann, infatti, si fa raggiungere al 94′ dagli irlandesi dello Shamrock Rovers sul 2-2, mentre il Radnički Niš cade 2-0 in Estonia al cospetto del Flora Tallin e lo Spartak Trnava (ai gironi nell’ultima edizione dell’ex-Coppa UEFA) raccoglie un brutto 0-2 in Bosnia contro il Radnik Bijeljina.

Nel mare magno di gol, emozioni e colpi di scena, tale da meritare forse un manuale, spiccano le partite di due rappresentanti slovene, Domžale e Olimpija Lubiana. A Ta’ Qali, casa del Balzan, Ibričić dal dischetto porta subito avanti il Domžale, che però subisce l’inatteso 1-2 dei maltesi che ribaltano la contesa con Correa e Ljubomirac nel giro di quattro minuti; nella settimana nella quale il calcio maltese stupisce l’Europa con il Valletta capace di imporre il 2-2 casalingo al Dudelange nei preliminari di Champions League, il Balzan non è da meno e torna in vantaggio con Effiong anche dopo il 2-2 in apertura di ripresa di Vuk. Alla lunga, purtroppo per i padroni di casa, il divario tecnico e la maggior abitudine a disputare le coppe europee emergono in favore dei balcanici, che trovano il 3-3 con Sikošek prima di riuscire a centrare il blitz con Podlogar a un quarto d’ora dal fischio finale. Le penne, almeno nella gara di andata, non riesce a salvare l’Olimpija Lubiana protagonista di un match ancora più folle tra le mura amiche contro l’RFS Riga: contro ogni pronostico i baltici passano in vantaggio dal dischetto con Lemajić in apertura di ripresa, ma al minuto 81′ vengono raggiunti dall’Olimpija a valle di un lungo forcing con la splendida sassata mancina di Boakye. Al capolavoro del ghanese, però, gli ospiti replicano con quello che forse è il gol più bello della serata di Europa League: corre il minuto 88′ quando, su una respinta di testa, il numero 10 Kļuškins  si coordina per una spettacolare rovesciata che muore sotto l’incrocio della porta di Vidmar facendo esplodere di gioia gli ospiti. Colpito dalla prodezza avversaria l’Olimpija si riversa in avanti, e con più cuore che testa arriva al gol del 2-2: in realtà, ironia della sorte, il pari arriva proprio di testa con Menalo che sfruttando forse l’euforia avversaria al 90′ riporta la contesa in parità. Fine dei fuochi di artificio? Nemmeno per sogno, perchè con l’Olimpija sbilanciato in avanti alla ricerca del gol vittoria la rete la trova il Rigas, che al 93‘ riesce con Vukmanić in un clamoroso ed inaspettato contropiede che si traduce sul gong nella fuga per la vittoria.

A guardare con interesse ai preliminari di Europa League vi erano senz’altro i tifosi del Torino, che a fine luglio si troveranno a supportare la propria squadra contro una tra DebreceniKukësi: salvo clamorosi colpi di scena, saranno i magiari i padroni di casa, grazie al netto 3-0 rifilato al Kukësi. L’equilibrio è rotto in avvio di ripresa da Garba, ma a blindare il successo dei padroni di casa ci pensa con una doppietta la stellina locale Kevin Varga, con una doppietta tra il 77′ e il minuto 83. Si rivela invece un incubo l’esordio in Europa per la compagine macedone dell’Akademija Pandev, fondata dal calciatore del Genoa, travolto 3-0 a domicilio dai più blasonati bosniaci dello Zrinjski Mostar.

Detto dell’interesse del Torino, invece, dando una spolverata di tricolore a questo turno preliminare erano ben cinque gli allenatori italiani impegnati: il contingente italiano chiude la serata con tre successi e due (preventivabili) sconfitte. Preventivabili perchè Hibernians e Gzira United, da Malta, guidate rispettivamente da Stefano Sanderra e Giovanni Tedesco non partivano con i favori del pronostico contro Shakthyor Soligorsk e Hajduk Spalato; per i ragazzi di Sanderra, in Bielorussia, arriva una sconfitta di misura griffata da Gromyko all’ora di gioco, mentre l’ex-centrocampista del Palermo vede il suo Gzira United piegato dall’Hajduk Spalato con un gol per tempo di Gyurcsó e Dolček. Possono festeggiare, invece, Giuseppe Sannino, Angelo Alessio e Roberto Bordin; la Honvéd di Sannino domina in lungo e in largo lo Žalgiris Vilnius, con l’unico rammarico del gol dell’1-3 incassato sul gong da parte di Uzėla. Qualificazione ipotecata per il Neftçi Baku di Bordin, vittorioso 3-0 in Moldavia sullo Speranta, mentre da brivido è l’esordio sulla panchina del Kilmarnock di Angelo Alessio: i biancoblù vanno infatti in svantaggio in Galles contro il Connah’s Quay a un quarto d’ora dalla fine per il disgraziato autogol di Taylor su cross di Roberts, ma gli scozzesi non si scompongono e all’82’ trovano il pari su rigore con Brophy. La contesa sembra indirizzata su un 1-1 comunque inaspettato, ma al minuto 92 gli ospiti siglano il blitz che, probabilmente, vale la qualificazione, con la testa di Findlay che spunta su corner regalando la vittoria al Kilmarnock in un Corbett Stadium ammutolito.

UEFA EUROPA LEAGUE 2019/2020 – Andata del Primo Turno Preliminare

martedì 09/07
St. Joseph’s-Glasgow Rangers  0-4  50′ Jack, 56′ Ojo, 68′ Goldson, 77′ Morelos
Gzira-Hajduk Spalato  0-2  44′ Gyurcsó, 90’+6 Dolček
CSKA Sofia-Mladost Podgorica  4-0  40′ Evandro, 53′ Tiago Rodrigues, 55′ Geferson, 72′ Malinov

mercoledì 10/07
Jeunesse d’Esch-Tobol Kostanay  0-0

giovedì 11/07
Pyunik Yerevan-Shkupi  3-3  4′ rig. Vardanyan (P), 26′ Bajrami (S), 43′ Ilieski (S), 60′ Baijrami (S), 80′ Zhestokov (P), 85′ Manucharyan (P)
Ordabasi-Torpedo Kutaisi  1-0  67′ Erlanov
Ventspils-Teuta Durazzo  3-0  5′ Sergiychuk, 78′ Ulimbaševs, 88′ Aiyegun
Alashkert-Makedonija Gjorče Petrov  3-1  16′ Tankov (A), 52′ Jasharovski (M), 67′ Sekulić (A), 82′ aut. Bianor (M)
AEK Larnaca-Petrocub  1-0  4′ Hevel
Laçi-Hapoel Be’er Sheva  1-1  3′ Nwuabeze (L), 78′ Levi (H)
Trans Narva-Budućnost  0-2  12′ Ivanović, 88′ Mijić
Səbail-Craiova  2-3  13′ Mateiu (C), 33′ Ramazanov (S), 51′ Bancu (C), 67′ Roman (C), 82′ Ramazanov (S)
KuPs-Vitebsk  2-0  61′ Murillo, 74′ Rangel
Flora Tallin-Radnički Niš  2-0  75′ Lepik, 89′ Vassiljev
Riteriai-KÍ Klaksvík  1-1  46′ Borovskis (R), 56′ Andreasen (K)
Ružomberok-Levski Sofia  0-2  36′ Mariani (R), 51′ Paulinho (L)
Balzan-Domžale  3-4  5′ rig. Ibričić (D), 34′ Correa (B), 38′ Ljubomirac (B), 49′ Vuk (D), 56′ Effiong (B), 61′ Sikošek (D), 76′ Podlogar (D)
Brøndby-Inter Turku  4-1 5′ Wilczek (B), 20′ Furuholm (I), 66′ Wilczek (B), 71′ Tibbling (B), 78′ Kaiser (B)
Liepāja-Dinamo Minsk  1-1  12′ rig. Ikaunieks (L), 88′ Kaplenko (D)
Žalgiris Kaunas-Apollon Limassol  0-2  14′ Pittas, 90′ Zelaya (A)
Akademija Pandev-Zrinjski Mostar  0-3  12′ Hadžić, 28′ Mandić, 55′ Govedarica
Speranţa Nisporeni-Neftçi Baku  0-3  16′ rig. Mahmudov, 35′ Joseph-Monrose, 76′ Hacıyev
Dinamo Tbilis-Engordany  6-0  6′ Ninua, 21′ Kukhianidze, 61′ Navtaradze, 69′ rig. Kutalia, 71′ Kukhianidze, 80′ Zaria
Maccabi Haifa-Mura  2-0  64′ Askenazi, 68′ Awad
Crusaders-B36 Tórshavn  2-0  33′ Hegarty, 79′ Lowry
Debrecen-Kukësi  3-0  54′ Garba, 77′ e 83′ Varga
Shakthyor Soligorsk-Hibernians  1-0  69′ Gromyko
Radnik Bijeljina-Spartak Trnava  2-0  34′ Mekić, 48′ Đurić
Malmö-Ballymena  7-0  31′ e 33′ Rosenberg, 44′ Rakip, 46′ Brorsson, 48′ Rosenberg, 54′ Molins, 74′ Rakip
Brann-Shamrock Rovers  2-2  12′ Teniste (B), 34′ aut. Ordagić (B), 36′ rig. Berisha (B), 90’+4 Lopes (S)
Molde-KR Reykjavik  7-1  7′ James (M), 29′ Aursnes (M), 31′ e 41′ James (M), 63′ Forren (M), 66′ Hussain (M), 71′ Thomsen (R), 90′ Omoijuanfo (M)
Fola d’Esch-Chikhura  1-2  23′ rig. Sinani (F), 59′ Sardalishvili (C), 86′ rig. Koripadze (C)
Olimpjia Lubiana-RFS Riga  2-3  52′ rig. Lemajić (R), 81′ Boakye (O), 88′ Kļuškins (R), 90′ Menalo (O), 90’+3 Vukmanić (R)
Connah’s Quay-Kilmarnock  1-2  75′ aut. Taylor, 82′ rig. Brophy, 90’+2 Findlay
Čukarički-Banants  3-0  43′ Tedić, 80′ Kovač, 90’+2 Tedić
Steaua Bucarest-Milsami  2-0  12′ e 56′ Tănase
Dunajská Streda-KS Cracovia  1-1  40′ aut. Kružliak, 44′ Divković
Zeta-Videoton  1-5  3′ e 12′ Nego (V), 17′ Goranović (Z), 23′ Nego (V), 87′ Juhász (V), 90’+3 Huszti (V)
Europa-Legia Varsavia  0-0
Aberdeen-RoPs  2-1  36′ McGinn (A), 48′ Cosgrove (A), 90’+3 Jäntti (R)
Cliftonville-Haugesund  0-1  42′ Grindheim
Cork City-Progrès Niedercorn  0-2  11′ Muratovic, 21′ rig. De Almeida
St. Patrick’s-Norrköping  0-2  55′ Thern, 85′ aut. Desmond
Široki Brijeg-Kairat Almaty  1-2  29′ Eseola (K), 34′ Enin (S), 58′ Eseola (K)
Honvéd-Žalgiris Vilnius  3-1  32′ Banó-Szabó (H), 55′ N’Gog (H),  69′ rig. Gazdag (H), 90’+2 Uzėla (Z)
Stjarnan-Levadia Tallin  2-1  15′ e 73′ Ragnarsson (S), 78′ Andreev (L)
Breidablik-Vaduz  0-0

Condividi
Nato a Roma nel 1989, si avvicina al calcio grazie all’arte sciorinata sui campi da Zidane. Nostalgico del “calcio di una volta”, non ama il tiki-taka, i corner corti e il portiere-libero.