RSL svizzera 35/a: Xamax allo spareggio, tutto ancora da decidere per l’Europa League

Turno infrasettimanale, per la Raiffeisen Super League svizzera, in contemporanea. Tutte e cinque le partite, infatti, avevano interesse per le ultime sentenze ancora da scrivere: spareggio promozione-retrocessione e qualificazione in Europa League. Grazie alla vittoria della coppa svizzera da parte del Basilea, le posizioni in classifica dalla terza alla quinta valgono la partecipazione alla seconda competizione europea, con il terzo posto che significa ammissione diretta alla fase a gironi, visto che i renani, matematicamente secondi, parteciperanno ai preliminari di Champions League.

A 90′ minuti dal termine (l’ultima giornata si giocherà in contemporanea sabato sera, con calcio d’inizio alle 19), il Lugano ha perso momentaneamente il terzo posto in classifica. L’undici di Celestini, presentatosi alla Maladière in formazione rimaneggiata per infortuni e squalifiche (davanti mancavano sia Gerndt che Junior, vale a dire i due uomini più pericolosi) non è infatti riuscito ad andare oltre l’1-1 con lo Xamax. Per i neocastellani, quindi, è stata emessa la sentenza definitiva: dovranno disputare lo spareggio per non retrocedere contro la seconda classificata in Challenge League (Aarau o Losanna).

I ticinesi, nonostante abbiano cercato, sin dal primo minuto, di prendere in mano il pallino dell’incontro, hanno avuto grossi problemi in fase conclusiva. Tuttavia, al 36′ sono riusciti a capitalizzare una delle poche occasioni create, anche con un pizzico di buona sorte, grazie a un tiro di Vécsei che Gomes ha deviato, in maniera rocambolesca, nella propria porta.

Nel secondo tempo, però, quando sarebbe servito trovare cinismo e solidità difensiva, quasi inspiegabilmente (viste le ultime prestazioni) la squadra sottocenerina ha avuto una pausa mentale, concedendo spazio e occasioni agli avversari. E così i rossoneri, nonostante le cattive notizie da Zurigo, che li condannavano allo spareggio per non retrocedere, hanno guadagnato metri in campo e fiducia nei propri mezzi, trovando il pareggio al 67′ con Pickel, dopo che Nuzzolo, 9′ prima, aveva fallito un rigore concesso per un atterramento di Sulmoni ai danni di Pululu. Nulla di compromesso, per i bianconeri ticinesi, in ottica europea: ora, però, oltre a vincere in casa con il GCZ, servirà una combinazione di risultati favorevoli sugli altri campi.

Il terzo posto solitario in classifica è momentaneamente appannaggio del Lucerna. L’undici guidato da Häberli (nella foto), grazie alla netta vittoria casalinga contro lo Zurigo, ha così il destino nelle proprie mani, e proverà a mantenere la posizione in classifica provando a fare risultato positivo a Berna dove, all’andata, riuscì a prevalere, infliggendo allo Young Boys la prima sconfitta in campionato della stagione. Nella bella partita di ieri alla swissporarena, contro lo Zurigo, ad andare in rete, per i confederati, è stato Vargas (doppietta per lui, all’8′ e al 51′), mentre Kryeziu si era reso responsabile di un’autorete al 29′.

A essere in corsa anche il San Gallo, che ha offerto ai propri tifosi una prestazione di spessore. I Brodisti, nel giorno dell’addio al calcio giocato di Barnetta (34 anni, compiuti ieri), hanno superato lo Young Boys, infliggendo ai campioni svizzeri la più pesante sconfitta della stagione. La vittoria proietta così i biancoverdi di Zeidler a 45 lunghezze, le stesse del Lugano.

Salvezza matematica per il Sion. I vallesani infatti, battendo a Zurigo l’ormai condannato GCZ, in una partita disputata a porte chiuse per la squalifica dopo i fatti di Lucerna, si sono guadagnato la permanenza in Super League, anche se non potranno partecipare alla volata europea, in quanto esclusi dall’UEFA, per problematiche legate al FP finanziario. In casa, sabato sera con il Thun, proveranno però a non concedere punti ai bernesi, loro invece in lotta per un posto in Europa League ma fermati, ieri alla Stockhorn Arena, dal Basilea.

L’undici di Schneider, contro la seconda in classifica, per ironia dello sorte ha subito lo stesso punteggio della finale di Coppa svizzera giocata domenica. Succede tutto nella ripresa: Campo segna per i renani al 62′, e pareggia Costanzo, per i padroni di casa, al 75′. I rossoblù però non mollano e Bua, a una manciata di minuti dal termine, trova così la rete della vittoria per i suoi. Un brutta tegola per i biancorossi padroni di casa, che vedono complicarsi la lotta per un posto in Europa.

RSL svizzera 35/a – Risultati finali

Mercoledì 22 maggio

Lucerna-Zurigo  3-0  (2-0) 
Xamax-Lugano  1-1  (0-1)
Thun-Basilea  1-2  (0-0)
San Gallo-Young Boys  4-1  (2-0)
Grasshopper-Sion  0-3  (0-2)

CLASSIFICA PROVVISORIA RSL SVIZZERA 2018/19 – 35/a giornata 

Pos. Squadra Diff. reti Punti | Pos. Squadra Diff. reti Punti
1 Young Boys +59 88 | 6 Thun -2 43
2 Basilea +22 68 | 7 Sion -4 43
3 Lucerna -1 46 | 8 Zurigo -9 43
4 Lugano +1 45 | 9 Xamax -18 37
5 San Gallo -9 45 | 10 Grasshopper -39 24

Legenda: qualificate ai preliminari della CL, qualificate ai preliminari di EL, allo spareggio per non retrocedere con la 2/a di Challenge League, retrocessa in Challenge League

Condividi
Da bambino si innamorò del calcio vedendo giocare a San Siro Rivera e Prati. Milanese per nascita e necessità, sogna di vivere in Svezia, e nel frattempo sopporta una figlia tifosa del Bayern Monaco.