Cadel Evans Great Ocean Road Race: avvio di stagione super di Elia Viviani

Un avvio di stagione superlativo quello del velocista azzurro Elia Viviani, che lascia ben sperare per il prosieguo dell’anno, in particolar modo per la cento decima edizione della Milano-Sanremo in programma il prossimo 23 marzo.

Dopo il successo – al suo esordio in questo 2019 – nella prima frazione del Santos Tour Down Under, Elia Viviani ha centrato infatti un’altra importante vittoria domenica scorsa, aggiudicandosi la Cadel Evans Great Ocean Road Race, classica del calendario World Tour.

Il velocista della Deceuninck – Quick Step ha preceduto sul traguardo di Geelong l’australiano Caleb Ewan e i sudafricani Daryl Impey – Ryan Gibbson. La condizione di Elia, nonostante la stagione sia appena iniziata, è già eccellente e questo fa ben sperare per i primi grandi appuntamenti di questo 2019.

Nella tabella di marcia del campione italiano su strada ci sarà nella seconda metà di febbraio l’UAE Tour (breve corsa a tappe disputata sulle strade di Abu Dhabi dove lo scorso anno vinse una tappa e la classifica a punti), prima di Tirreno-Adriatico e del grande appuntamento con La classicissima.

I successi già ottenuti da Elia in questo 2019 non sono vittorie che cambiano una carriera, ma sono un segnale di come il velocista veronese voglia essere protagonista in questa stagione.

CLASSIFICA FINALE Cadel Evans Great Ocean Road Race

1            Elia Viviani         Deceuninck       3h54’35”
2            Caleb Ewan       Lotto     s.t.
3            Daryl Impey      Mitchelton         s.t.
4            Ryan Gibbons   Dimension         s.t.
5            Jens Debusschere          Katusha              s.t.
6            Luke Rowe         Sky        s.t.
7            Michael Mørkøv             Deceuninck       s.t.
8            Jay McCarthy    Bora      s.t.
9            Owain Doull      Sky        s.t.
10          Luis León Sánchez          Astana  s.t.

Condividi
Studente di comunicazione. Cresciuto nel mondo dello sport, patito di calcio, basket e ciclismo. “Malato” di tecnica e tattica, con un trascorso più da calciatore che da giornalista.