Il mercato estivo perfetto in stile Preziosi

-

Enrico Preziosi si sta già fregando le mani: il suo Genoa sta ricevendo molte proposte per i suoi gioielli e dopo la partenza di Krzysztof Piątek destinazione Milan anche KouaméRomero hanno gli occhi puntati di Juventus e Napoli.

Un mercato estivo niente male quindi per il grifone che nell’ultima sessione si è aggiudicato le prestazioni di questi tre giocatori per una cifra complessiva di circa dieci milioni di euro. Il bomber polacco proveniente dal KS Cracovia, il difensore dal Belgrano e l’attaccante ivoriano dal Cittadella sono stati i pilastri di questo inizio di stagione e, nonostante il Genoa non navighi in acque tranquille, il loro valore è aumentato in modo esponenziale.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Grande Squadra ⚽️🔫💪🎯 #seriea #grande #squadra #bigteam #cfc #genoa #x18 #adidas #frosinone #9

Un post condiviso da Krzysztof Piątek (@pjona_9) in data:

L’uomo più rappresentativo di questa squadra però è già stato ceduto: Krzysztof Piątek è passato al Milan, orfano di Higuaín, per 35 milioni di euro più bonus fruttando un’ottima plusvalenza a Preziosi. La stessa sorte pare essere destinata a Romero e Kouamé  probabilmente nel prossimo mercato, con Juventus e Napoli a una passo dai due giocatori. I bianconeri vorrebbero acquistare il difensore per poi farlo crescere sotto la Lanterna per una stagione, mentre i partenopei sono stregati dalle prestazioni dell’eclettico attaccante.

Con Piątek  che ha fruttato 35 milioni e Romero e Kouamé  circa 20 milioni a testa, il calcolo è presto fatto: si tratta di una plusvalenza monstre di oltre 60 milioni di euro. Preziosi ha i soldi in tasca così per costruire una nuova squadra tutta da zero con giovani interessanti da scoprire e acquistare per poi essere rivenduti a peso d’oro.

Se dal punto di vista economico si tratta di un affare impeccabile, dal punto di vista sportivo il discorso è l’esatto contrario: il Genoa è da troppe stagioni nella zona destra di classifica e non riesce più a puntare a obiettivi migliori di una salvezza risicata. Il blasone dei rossoblu è ben più grande delle squadre con cui attualmente compete e l’unico risultato importante di questa stagione è stato il pareggio contro la Juventus, la prima partita senza i tre punti per i bianconeri (poi capitò anche contro l’Atalanta).

I tifosi contestano la presidenza da svariati anni per questa politica, ma l’esito è sempre lo stesso: il dio denaro comanda il calcio e pone i soldi davanti agli obiettivi; la passione e il senso di appartenenza passano così in secondo piano e questo calcio moderno continua a perdere il suo lato romantico.

Rodella Alessandro
Rodella Alessandro
Nato a Brescia nel marzo del 1992, ama lo sport in generale, soprattutto calcio, tennis e motori. Pratica i primi due a livello amatoriale senza grandi risultati. Appena può, ama seguire gli sport "dal vivo".

MondoPallone racconta…Italia – Brasile, duellanti nel tempo

Stasera a Ginevra va in scena, seppure in amichevole, un classico del calcio mondiale. L’Italia della tattica e del contropiede contro il Brasile del...
error: Content is protected !!