“C saremo”, alla scoperta delle squadre neopromosse in Serie C – La Vis Pesaro

Il “Paradiso” non può più attendere, nel prossimo campionato “C saranno” anche loro. Ecco le nove squadre che, vincendo il proprio girone di Serie D, hanno conquistato la promozione nella terza serie italiana. Nella nostra sesta puntata vi presentiamo la Vis Pesaro, che si è aggiudicata il Girone F.

Nome completo: Società Sportiva Dilettantistica Vis Pesaro 1898
Città: Pesaro (PU)

Anno Fondazione: 1898 (ultima rifondazione 2006)
Ultima partecipazione in Serie C: 2004-05 
Colori sociali: bianco-rosso
Stadio: Tonino Benelli (4.000 posti)

LA STORIA RECENTE – La Vis Pesaro è una delle prime squadre italiane a essere fondate (1898), ma dopo un primo fallimento, avvenuto nel 1993, ne subisce un altro nel 2006. La squadra è appena retrocessa in C2 e viene dirottata in Promozione Marche: trova subito l’Eccellenza, ma l’anno successivo retrocede nuovamente. Si fonda con la Villa Pesaro e, nella stagione 2008/09 viene nuovamente promossa. In Eccellenza rimane per due stagioni, allorquando agguanta la tanto agognata Serie D, che mancava dagli anni ’80. Ai marchigiani gli ci vogliono, in totale, sette campionati per salire in Serie C: dopo il playoff dello scorso anno, la Vis Pesaro torna tra i professionisti nella stagione 2017/18.

LA STAGIONE – Il cammino dei biancorossi non è certamente sgombro di insidie. Anzi, la promozione avviene solo all’ultimo tuffo: la capolista Matelica perde infatti ad Avezzano e permette alla Vis Pesaro, vittoriosa a Castelfidardo, di superarla in classifica. Ma il finale thrilling non riguarda solo l’ultima giornata, visto che le due compagini in lotta si sono scambiate la prima posizione praticamente ogni domenica. Al trentunesimo turno è in testa il Matelica, ma poi la compagine maceratese perde il derby con la Recanatese e permette ai rivali di superarla. La penultima vede soccombere i pesaresi in casa, contro il Campobasso: nuovo sorpasso e Matelica ora favorito. Ma, come detto, l’atto finale riserva un’altra sorpresa e consacra la Vis Pesaro.

GLI ELEMENTI CHIAVE – Il bomber della squadra è stato Emiliano Olcese, argentino classe 1983, che coi suoi 20 gol ha spesso trascinato i biancorossi. Una nota di merito anche per il difensore Alessandro Radi, anche lui molto esperto vista l’età (ad agosto compirà 36 anni): per lui, che in passato ha vestito le maglie – tra le altre – di Sambenedettese, Ancona e Juve Stabia – anche otto realizzazioni. Interessante il portiere, il 18enne scuola Napoli Marfella; così come il terzino sinistro Calzola, sempre del vivaio della squadra partenopea. Da segnalare poi il centrocampista Bellini, lo scorso anno nella Primavera dell’Empoli.

Condividi
Empolese e orgoglioso di esserlo, ha cominciato ad amare il calcio incantato dal mito di Van Basten. Amante dei viaggi, giocatore ed ex insegnante di tennis, attualmente collabora con pianetaempoli.it.