Mondiali judo, Budapest 2017 – Teddy Riner resta il più forte di tutti

-

A Budapest è arrivato il giorno di Teddy Riner. Tanta attesa per lo judoka francese, icona di questa disciplina nella categoria pesi massimi. Il transalpino si è presentato in terra magiara in condizioni fisiche non ottimali e con una stagione agonistica che l’ha visto praticamente assente sul tatami; tutte premesse per far presuppore una storica caduta, invece Riner ha sorpreso tutti portando a casa il suo nono titolo iridato è diventando sempre più storia di questa disciplina. Il georgiano Tushishvili prima e il brasiliano Moura in finale hanno provato a ostacolarlo per interrompere la sua striscia vincente, l’esperienza di Riner però ha finito per fare la differenza.

Nella categoria fino a 100kg msschili il titolo è andato al giapponese, di padre statunitense, Aaron Wolf, vincitore in finale sul georgiano Liparteliani grazie a un waza-ari. Nei 78 kg femminili la cinese Yu Song si conferma campionessa del mondo dopo aver piegato in finale la giapponese Sarah Asahina. Domani conclusione della manifestazione con la prova a squadre.

+100 kg maschili

1. Riner (Fra)
2. Moura (Bra)
3. Naidan (Mon) e Silva (Bra)

100 kg maschili

1. Wolf (Gia)
2. Liparteliani (Geo)
3. Denisov (Rus) e Gasimov (Aze)

+78 Kg Femminili

1. Yu (Cina)
2. Asahina (Gia)
3. Kim (Cor) e Kindzerska (Aze)

Elia Modugno
Elia Modugno
Nasce a Roma il 30 maggio 1979 mentre il Nottingham Forest di Brian Clough vinceva la sua prima Coppa Campioni. Radiocronista sui campi dell’Eccellenza laziale, adora il calcio minore ed il futsal.

MondoPallone Racconta… I figli d’arte in maglia azzurra

                          L'ultimo in ordine cronologico è Mattia Destro, protagonista con l'Italia di Prandelli nell'ultimo turno delle qualificazioni mondiali. Ma la Nazionale azzurra ha accolto in...
error: Content is protected !!