Europei Under 21 – La Giovane Italia non risorge. 3-1 per la Spagna, iberici in finale

Niente da fare per l’Italia di Di Biagio. Gli azzurrini lottano ma soccombono di fronte alla Spagna, colpita dai fendenti di Saúl Ñíguez, autore di una tripletta. Inutile il gol, che aveva riacceso le speranze, di Bernardeschi. Decisiva l’espulsione di Gagliardini, avvenuta dopo dieci minuti dall’inizio del secondo tempo. La finale sarà Germania-Spagna.

L’avvio di gara è equilibrato, anche se come di consueto la Spagna fa tanto possesso palla e cerca di imporre il proprio ritmo compassato. L’Italia, di contro, prova a sfruttare le fasce e, in particolare, l’imprevedibilità di Chiesa e Bernardeschi. Gli azzurrini pungono per lo più in contropiede e Pellegrini impegna Kepa con un destro radente che l’estremo difensore respinge di piede. Gli risponde Deulofeu, il più attivo dei suoi, che pecca però di mira in area da buona posizione. È una partita a scacchi, ma ogniqualvolta la Spagna accelera la difesa italiana si fa trovare preparata e attenta nel chiudere.

La ripresa comincia fotocopiando la prima frazione di gioco, ma al 52′ la difesa dell’Italia è costretta alla capitolazione: Ceballos serve Saúl Ñíguez che batte sul tempo i due centrali azzurri e realizza il gol del vantaggio con un sinistro preciso. I piani di Di Biagio si complicano ulteriormente quando, appena sei minuti più tardi, Gagliardini si fa cacciare per doppia ammonizione. Gli azzurrini non sono domi e al 62′ raggiungono il pari in dieci contro undici: Berardeschi porta a spasso l’intera retroguardia iberica e segna con pregevole mancino da fuori area. Nemmeno il tempo di festeggiare, però, che la Spagna si riporta avanti: gran bolide dalla distanza del solito Saul e nulla da fare per Donnarumma. Per gli uomini di Celades, con l’uomo in più, si aprono delle vere e proprie praterie e al 74′ chiudono la contesa con l’ennesima rete di Saúl Ñíguez. Sul 3-1 la gara si va via via spegnendosi: finiscono i sogni della Giovane Italia, la Spagna vince e va in finale.

SPAGNA-ITALIA  3-1 (0-0) 

Spagna (4-3-3): Kepa 6; Bellerín 6, Meré 6, Vallejo 6, Jonny 6; Saúl Ñíguez 8, Llorente 6.5, Ceballos 7.5 (88′ Oyarzabal sv); Deulofeu (82′ Suárez sv), Sandro 6.5 (77′ Williams sv), Asensio 6.5. A disp.: Blanco, Pau; Gayà, Mayoral, Merino, Odriozola, Soler, Hernández, González. All.: Celades 6.5.
Italia (4-3-3): Donnarumma 5.5; Calabria 6, Rugani 5.5, Caldara 6, Barreca 6; Benassi (87′ Garritano sv), Gagliardini 4.5, Pellegrini 5; Bernardeschi 6.5, Petagna (72′ Cerri 5.5La ), Chiesa 5.5 (61′ Locatelli 5.5). A disp.: Cragno, Scuffet; Cataldi, Grassi, Biraschi, Ferrari, Pezzella. All.: Di Biagio 5.5.
Arbitro: Slavko Vinčić (Slovenia)
Marcatori: 52′ Saúl Ñíguez (S), 62′ Berardeschi (I), 65′ Saúl Ñíguez (S), 74′ Saúl Ñíguez (S)
Note – Ammoniti: Benassi, Gagliardini, Calabria, Cerri (I). Espulso: Gagliardini (I) al 58′ per doppia ammonizione

Condividi
Empolese e orgoglioso di esserlo, ha cominciato ad amare il calcio incantato dal mito di Van Basten. Amante dei viaggi, giocatore ed ex insegnante di tennis, attualmente collabora con pianetaempoli.it.