Milan, il gran rifiuto di Paolo Maldini

Paolo Maldini non tornerà al Milan in veste di dirigente. Lo ha annunciato lo stesso ex capitano rossonero, affidando a Facebook i motivi della sua scelta.

Alla base del gran rifiuto, la poca chiarezza intorno al suo ruolo (“Mi è stato proposto il ruolo di Direttore Tecnico, prima di me è stato ingaggiato un Direttore Sportivo di fiducia dell’Amministratore Delegato, quindi, secondo l’organigramma societario che mi è stato presentato, avrei dovuto condividere qualsiasi progetto, acquisto o cessione di calciatore con il mio parigrado DS. A mia precisa domanda su cosa sarebbe successo in caso di disaccordo, mi è stato detto dal Sig. Fassone che avrebbe deciso lui. Detto questo, non credo ci fossero le premesse per un team vincente”) e la scarsa comunicazione (“Non ho mai chiesto di avere un contatto diretto con la proprietà per bypassare l’Amministratore Delegato; ho espresso la volontà di sentire dal Sig. David Han Li, Direttore Esecutivo della Sino Europe Sports, che ho incontrato solo per pochi minuti, cosa si aspettassero da me; avrei voluto ascoltare dalla sua voce quali obiettivi si fossero prefissati e quali investimenti avessero intenzione di fare”).

Maldini: “Ecco perché rifiuto l’offerta di Fassone”