Il ChievoVerona festeggia con la vittoria le 400 volte di Dainelli in Serie A

Se il ChievoVerona della passata stagione è stata una delle più piacevoli sorprese in Serie A, la vittoria all’esordio con l’Inter è una dimostrazione di quanto quel gruppo consolidato abbia voglia di ripetersi. Il 2015/2016 vide svanire nelle ultime giornate quel personale record tanto cercato da Rolando Maran, che sicuramente riproverà quest’anno a sfondare il tetto dei 56 punti ottenuti a Catania quattro anni fa. Lo sperano tanto anche i tifosi, soprattutto perché avvicinarsi ai 60 punti non significherebbe solo salvezza, ma per ora i gialloblù devono pensare esclusivamente alla permanenza nella massima serie, poi si vedrà. Ma non si tratta solo di punti, quella 2016/2017 sarà veramente l’anno dei record in casa Chievo e la vittoria contro i nerazzurri ne ha già portato uno a Veronello.

Il fischio d’inizio del Bentegodi ha infatti sancito la presenza numero 400 in Serie A per il difensore Dario Dainelli, calciatore classe ’79 che arrivò al Chievo nel 2012, quando aveva già trentatré anni. L’ex Fiorentina e Genoa ha trovato una vera e propria rinascita in gialloblù, tornando alle prestazioni che con la maglia viola gli avevano anche aperto le porte della Nazionale. Ora, aspettando il centesimo gol di Sergio Pellissier, il Chievo festeggia uno dei pilastri della propria squadra, assaporando la gioia di un record che arriva dopo la grande preoccupazione del marzo scorso, quando Dainelli riportò un infortunio al crociato anteriore del ginocchio destro; la società clivense decise allora di prolungare ugualmente il contratto del difensore, che con l’ennesima prestazione impeccabile ha dimostrato ancora una volta la sua importanza al centro della difesa.

Ecco la nota apparsa sul sito ufficiale del ChievoVerona:”Ti abbiamo aspettato per tutta l’estate! E ora ci sei arrivato! Complimenti Dario! 400Volte‬ in Serie A TIM! Dario Dainelli‬, sei nello Olimpo dei Campioni e hai raggiunto questo traguardo con la maglia del ChievoVerona, dopo l’ennesima prestazione perfetta nel cuore della difesa!“.

Condividi
Nato nel 1997 a Negrar (VR), studente prossimo alla vita universitaria. Appassionato di calcio, amante dei grandi numeri 10, della lettura e della buona musica, specie se a interpretarla è Samuele Bersani.