Il Vojvodina ai raggi X

-

Una breve presentazione del Vojvodina, squadra serba che nel terzo turno preliminare di Europa League affronterà, in un doppio confronto, la Sampdoria: il 31 luglio e il 6 agosto le due sfide.

LA STORIA – Fondato nel 1914, in ambito nazionale sono solo due i successi in campionato. Nel 1966 e nel 1989, infatti, il club ha vinto, per due volte, il campionato jugoslavo, raggiungendo per ben tre volte il secondo posto nel 1957, nel 1962 e nel 1975. Nel 1951 e nel 1997 ha raggiunto la finale della Coppa di Jugoslavia, venendo sconfitto nell’ultimo atto. Nel 2007 lo stesso epilogo è toccato alla Coppa di Serbia, che è riuscito a vincere solo nel 2014. L’unico successo in ambito internazionale è la Coppa Mitropa, conquistata nel 1977.

IL PRESENTE – Classificatosi al quarto posto nel campionato serbo appena concluso, il club ha avuto il diritto a prendere parte della corrente Europa League a partire dal primo turno preliminare. Nel primo turno è stato l’MTK Budapest a farne le spese (0-0 all’andata fuori casa, secco 3-1 nel ritorno in casa), mentre nel secondo turno anche lo Spartaks si è dovuto arrendere ai serbi (3-0 nell’andata in casa, 1-1 nel ritorno in trasferta). Da quel che si è visto nelle prime quattro partite, quindi, si evince che la squadra in trasferta riesce molto bene a limitare i danni e a offrire, nelle gare casalinghe, quel salto di qualità utile per il passaggio del turno. Insomma, una squadra piuttosto combattiva.

LA SQUADRA – Rispetto alla scorsa stagione, pare ci siano stati diversi nuovi innesti che dovrebbero aver aumentato la qualità della squadra. Partendo dal difensore Igor Djurić e arrivando all’attaccante Miljan Mrdaković, un buon centravanti capace di realizzare un discreto bottino di gol, insieme a Aleksandar Stanisavljević, sempre arrivato in estate e già protagonista con la maglia dei serbi. E non dimentichiamo i riconfermati: tra tutti il portiere Srđan Žakula e il centrocampista esterno Mirko Ivanić.

L’ALLENATORE – Zlatomir Zagorčić è il tecnico del Vojvodina dallo scorso marzo. Si tratta di un allenatore abbastanza giovane e soprattutto a inizio carriera, che ha avuto inizio solo nel 2013. Il quarto posto nel campionato serbo, raggiunto lo scorso anno, è il suo miglior risultato, insieme al raggiungimento del terzo turno preliminare di Europa League.

I PRECEDENTI – Non ci sono precedenti né contro la Sampdoria né contro squadre italiane. Si tratta quindi di una sfida inedita. I blucerchiati, invece, hanno giocato per ben 3 volte contro squadre serbe: la sfida è più recente è contro il Partizan nel 2008 in Coppa UEFA, mentre risale alla stagione 1991/1992, ai tempi di Vialli e Mancini, il doppio confronto contro la Stella Rossa. In tutte e tre le gare arrivarono tre vittorie: Sampdoria imbattuta contro squadre serbe.

 

Ciro Brancone
Ciro Brancone
Apprezza ogni tipo di sport, anche se il suo vero amore è il calcio, di cui è appassionato. Tifa Milan ed è un fantacalcista convinto, cercando sempre di trovare il bicchiere mezzo pieno.

Quella volta che il Lugano sbancò San Siro, facendo lo sgambetto...

In assenza di calcio giocato, con lo stadio di Lugano (e non solo deserto), vale la pena di rispolverare qualche ricordo, anche di carattere...
error: Content is protected !!