Canada 2015, ottavi: Germania d’autorità sulla Svezia (4-1), avanti anche la Cina

-

Era la favorita della vigilia, ora lo sarà ancor di più: la Germania è ai quarti di Canada 2015, il mondiale di calcio femminile. Ci è arrivata grazie a un portentoso 4-1 inflitto alla Svezia, squadra di livello ma evidentemente non all’altezza delle campionesse d’Europa.

Davanti agli oltre 22 mila del Lansdowne Stadium di Ottawa, la sblocca la solita Mittag: Germania avanti già al 24′ e Lindahl raccoglie il primo pallone di una lunga serata. Il raddoppio lo firma Šašić, dal dischetto, poco dopo la mezzora: le tedesche ci sono e “vedono” i quarti. Della stessa calciatrice del FFC Frankfurt il terzo gol, per la doppietta personale: è il 78′ e le svedesi capitolano, nonostante il 3-1 di Sembrant 4′ dopo. Chiuderà i conti Marozsán, subentrata nell’intervallo a Leupolz, per il definitivo 4-1: di nuovo una goleada, e stavolta contro un avversario di tutto rispetto, già abituato alla scena internazionale.

Al Commonwealth Stadium di Edmonton, successo di misura della Cina sul Camerun, sin qui rivelazione del torneo. Le asiatiche vincono e passano ai quarti grazie alla rete di Wang Shanshan al 12′: l’attaccante classe 1990, in forza al Tianjin Huisen a livello di club, regala alle ragazze di Chang Weiwei la sfida alla vincente di Stati Uniti-Colombia, a Ottawa. Dopo la delusione della mancata qualificazione a Germania 2011, per le cinesi è un ritorno al passato: quarti raggiunti già nel 1991, 2003 e 2007, per non parlare del quarto posto a Svezia 1995 e il secondo a USA 1999. Le africane salutano il torneo iridato, certo a testa alta.

Canada 2015 – Ottavi di finale

Germania-Svezia 4-1
Cina-Camerun 1-0

Matteo Portoghese
Matteo Portoghese
Sardo classe 1987, ama il rugby, il calcio e i supplementari punto a punto. Già redattore di Isolabasket.it e della rivista cagliaritana Vulcano, si è laureato in Lettere con una tesi su Woody Allen.

MondoPallone Racconta… Il calcio a Tahiti

Tahiti, conosciuta anche come Polinesia Francese, è salita improvvisamente alla ribalta internazionale grazie alla partecipazione alla Confederations Cup 2013. Una presenza meritata, visto il...
error: Content is protected !!