Europa League, Torino-Bruges 0-0: granata sfortunati, Ryan para tutto

Primo tempo divertente: entrambe le squadre provano a vincere, perché vorrebbe dire passare ai sedicesimi con un turno di anticipo. Occasione clamorosa per Martinez servito da El Kaddouri, ma Ryan chiude bene e salva la squadra di Preud’Homme. É l’occasione principale del primo tempo, ma non l’unica, con entrambe le squadre che potrebbero portarsi avanti, ma il risultato non si schioda.Toro, come sempre, da rivedere in fase conclusiva; il Bruges patisce Darmian, ma riparte bene e tiene in apprensione i granata.

Nella ripresa sale in cattedra il portiere australiano della squadra belga, Ryan, che nei primi venti minuti salva in tre occasioni i suoi: prima su El Kaddouri, al termine di una discesa travolgente del belga-marocchino; poi ancora su Martinez di testa in tuffo e ancora su un tiro dalla distanza di Benassi. I granata giocano a sprazzi, risultando comunque sempre pericolosi e mancando sempre di un soffio il guizzo vincente, o trovando sulla propria strada un Ryan stratosferico, come sul sinistro al volo di Molinaro a cinque minuti dal termine o su Larrondo, qualche minuto dopo. Finisce 0-0, è tutto rimandato all’ultimo turno, ma la vittoria dell’Helsinki contro il Copenaghen rende meno amaro il risultato.

IL TABELLINO

Torino-Bruges 0-0 (0-0)
Torino (3-5-2): Padelli 6; Bovo 6, Jansson 6.5, Moretti 6; Molinaro 6, El Kaddouri 6.5, Gazzi 6.5, Benassi 6 (78′ Vives 6), Darmian 6.5; Martinez 6.5 (88′ Larrondo 6), Amauri 5.5. A disp.: Gillet, Maksimovic, Glik, Sanchez Miño, Quagliarella. All. Ventura.
Bruges (4-3-3): Ryan 8.5; Duarte 6, Meunier 6, De Bock 5.5, Mechele 6.5; Simons 6, Silva 5.5 (62′ Vormer), Fernando 6; Vazquez 6 (62′ Refaelov 6), Felipe Gedoz 6, Castillo 5.5 . A disp.: Dioudis, De Fauw, De Sutter, Izquierdo, Storm. All. Preud’homme.
Arbitro: Bas Nijhuis (Olanda).
Note – Ammoniti: Benassi (T), Moretti (T), Castillo (B), Gazzi (T), De Bock (B), Jansson (T), Mechele (B), Molinaro (T).

Condividi
Appassionato di calcio in genere, ha collaborato con alcune testate locali che si occupano di calcio giovanile ed è uno dei "vecchietti" reduci del primo MP. Vive a Torino ed è papà di due splendide bimbe.